Nuovo metodo per comunicare con …

'Parlare' con chi e' in u…

Broncopneumopatia Cronica Ostrut…

In prossimità della XIII …

Virus dell'epatite C: trovato un…

Un anticorpo monoclonale …

Melanoma o vitiligine: quello ch…

Chi ha gli occhi azzurri …

Controllo dei raggi UV: presto u…

Un apparecchio sviluppato…

Mappatura del genoma di una cell…

Introducendo una fase di …

Novità e soluzioni d’avanguardia…

Roma, 24 Marzo 2015 – Si …

[Assobiotech] I vaccini a DNA: u…

Dall'ingegneria genet…

Pediatria: i pesticidi ritrovati…

Pesticidi insidia nel pia…

Neuroni: studio sulla loro capac…

Due studi svelano che i s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Coronaropatia: responsabile il cromosoma Y

E’ il cromosoma Y il responsabile della coronaropatia, comune malattia cardiaca che uccide migliaia di persone ogni anno, e che si trasmette geneticamente di padre in figlio secondo uno studio condotto dall’Universita’ di Leicester pubblicato sulla rivista The Lancet.

Presente solo negli uomini, il cromosoma Y gioca, secondo l’indagine, un ruolo importante nella ereditarieta’ della malattia coronarica (CAD), nome dato al restringimento dei vasi sanguigni che trasportano il sangue al cuore e che causa i sintomi tipici dell’angina, come la costrizione del torace e gli attacchi di cuore. Il team dell’Universita’ di Leicester ha analizzato il DNA di oltre 3mila uomini della British Heart Foundation (BHF-FHS) per scoprire che il rischio di malattia coronarica tra gli uomini che posseggono un aplogruppo I del cromosoma Y (Y.DNA) e’ superiore del 50 per cento ed e’ indipendente dai tradizionali fattori di rischio come il colesterolo alto, l’ipertensione e il fumo.

I ricercatori ritengono che l’aumento del rischio sia causato dall’influenza dell’aplogruppo I sul sistema immunitario e la sua capacita’ di rispondere ad un’infiammazione e a un’infezione. Maciej Tomaszewski, docente a Leicester del dipartimento di Scienze Cardiovascolari, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di questi risultati e il passo successivo sara’ trovare i geni specifici e le varianti che guidano questa associazione tra la CAD e il cromosoma Y” .

Archivi