Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sale: italiani usano quasi il doppio della dose consigliata

Circa 10 grammi al giorno, quasi il doppio rispetto ai 6 grammi raccomandati dagli esperti. Gli italiani mangiano troppo salato, e nello stesso tempo assumono poco potassio perché riducono sempre più i consumi di frutta e verdura, ingredienti cardine della dieta mediterranea. I rischi associati ai nuovi modelli alimentari – dall’ipertensione all’obesità, dai calcoli renali al cancro dello stomaco – sono fra i temi al centro di ‘Nuce International’, salone dedicato a nutraceutica, cosmeceutica e alimenti funzionali, in programma a Fieramilanocity dal 25 al 27 settembre

I dati Inran (Istituto nazionale di ricerche per gli alimenti e la nutrizione) sulla progressiva disaffezione degli italiani per la dieta mediterranea saranno solo uno degli argomenti al centro della kermesse milanese. Si parlerà anche dei possibili benefici associati a un regolare consumo di acidi grassi omega 3, presente soprattutto nel pesce: prevenzione delle malattie cardiovascolari e di alcuni tumori (per esempio al colon), rallentamento dei processi di invecchiamento cellulare e riduzione della pressione arteriosa sono alcuni dei vantaggi suggeriti dagli studi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!