Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stafilococco aureo: nuovo composto che si sta dimostrando efficace

Scoperto un nuovo composto chimico in grado di guarire topi infettati dallo stafilococco aureo (Mrsa), un microrganismo resistente alla meticillina, e da altri batteri estremamente dannosi e resistenti. stafilococco_aureoIl nuovo composto va a colpire un enzima che non si trova nelle cellule umane ma che e’ essenziale per la sopravvivenza del batterio.
La ricerca della University of Illinois e’ stata pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.
L’enzima si chiama Upps ed e’ importate perche’ e’ coinvolto nella biosintesi delle pareti cellulari del batterio.


I ricercatori hanno testato il loro composto contro l’Upps e hanno registrato un effetto mille volte superiore a quello che, solitamente, ottengono gli antibiotici andando a colpire un altro enzima coinvolto nella costruzione delle pareti cellulari, l’Fpps. “Siamo anche riusciti ad aumentare l’effetto della meticillina contro lo stafilococco aureo”, ha spiegato Eric Oldfield, principale autore dello studio. I ricercatori hanno testato il nuovo farmaco su 20 topi affetti da Mrsa, e tutti sono sopravvissuti all’infezione del batterio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!