Sonno: diminuire le ore vuol dir…

Rinunciare anche solo a u…

Il 9 Febbraio la Prima Giornata …

In oltre 125 Paesi – tra …

Passaggio da staminali a neuroni…

La stessa tecnica riprodo…

Vietato abbassare la guardia con…

Vietato abbassare la guar…

Sequenziamento del DNA: tecnica …

PASSI avanti nella mappat…

Piastrine: regioni del genoma ch…

Analizzando milioni di va…

Tra tumore a seno e demenza una …

[caption id="attachment_7…

Le Minacce alla Qualità del Farm…

A Milano una Tavola Roton…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Artrite: potrebbe essere causa d…

Chi soffre di artrite…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’evoluzione della dieta nell’uomo tracciata grazie ai batteri calcificanti

Alcune tracce di Dna di batteri calcificati sui denti di antichi scheletri umani ha permesso di far luce sulle conseguenze dell’evoluzione della dieta e del comportamento sulla salute degli uomini, dall’Eta’ della Pietra ai giorni nostri.batteri I batteri orali hanno subito cambiamenti negativi a causa del cambiamento dell’alimentazione degli umani diventati agricoltori e, successivamente, in seguito alla produzione di cibo con metodi propri della rivoluzione industriale. Lo studio del Centre for Ancient Dna della University of Adelaide e’ stato pubblicato su Nature Genetics.
“Si tratta della prima ricerca in cui si mostra come la nostra evoluzione ha influito sui batteri che portiamo con noi, con importanti conseguenze per la nostra salute” ha spiegato Alan Cooper, primo firmatario dello studio.


I ricercatori hanno estratto il Dna dal tartaro di 34 umani nordeuropei preistorici e hanno tracciato i cambiamenti nella natura dei batteri orali dai tempi dell’ultimo cacciatore-raccoglitore a quelli del primo agricoltore, all’Eta’ del Bronzo e al Medioevo. ”La composizione dei batteri orali e’ cambiata molto con l’introduzione dell’agricoltura e poi ancora una volta 150 anni fa. La comparsa dello zucchero processato e della farina, nella Rivoluzione Industriale, ha fatto diminuire notevolmente la diversita’ dei batteri orali, permettendo ai ceppi che causano la carie di dominare. Le bocche moderne si trovano, praticamente, in uno stato di permanente malattia”, ha concluso Cooper.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi