Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

AIDS: farmaco in grado di blocca…

Sviluppato un nuovo f…

H5N1: pubblicato lo studio che h…

Modificando geneticamente…

Diabete tipo 1: l'innovazione te…

Diabete tipo 1: l'innovaz…

BPCO: il CNR conferma la piena r…

I ricercatori del gruppo…

Trichomonas vaginalis: il nesso …

Il microrganismo favorire…

Alzheimer: la vitamina B, utile …

Assumere una pillola di …

Sindrome di Prader Wi: individua…

Un team di scienziati del…

Appendicite: antibiotici possono…

Dare antibiotici ai pazie…

CNR: spirometria, confermato il …

Lo screening precoce sui …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La serotonina “intercede” quando il corpo è stanco

Quando il corpo e’ sottoposto a un eccessivo stress fisico, come quello provocato da un’intesa ginnastica, entra in azione il cervello che segnala attraverso la sensazione di stanchezza che e’ arrivato il momento di riposarsi.serotonina Una segnalazione, questa, che il cervello invia grazie all’azione della serotonina. L’ormone del ‘buon umore’ si e’ infatti dimostrato cruciale non solo nell’offrire energia ma anche nel determinare quando e’ necessario fermarsi perche’ si sta abusando troppo delle proprie forze. A dimostrarlo e’ una nuova ricerca dell’Universita’ di Copenaghen.

L’indagine ha rilevato che e’ il cervello a frenare il corpo, comunicandogli che e’ troppo stanco per continuare. Un affaticamento di matrice cerebrale che viene definito “fatica centrale”. I ricercatori danesi hanno dimostrato che a determinare “l’ingerenza” del cervello sulla durata delle attivita’ fisiche e’ un surplus di serotonina. Il neurotrasmettitore, quindi, e’ fondamentale non solo nel fornire al corpo la giusta forza per esercitarsi e muoversi ma anche nel comunicare che e’ arrivato il momento di riposarsi. In pratica, la serotonina nel cervello ha la duplice funzione di acceleratore e freno delle attivita’.

Lo studio ‘Serotonin spillover onto the axon initial segment of motoneurons induces central fatigue by inhibiting action potential initiation’ e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Pnas’. .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!