Riduzione significativa della pe…

I risultati dello studio …

Nella colonna spinale elaborato …

[caption id="attachme…

Collaborazioni trasversali europ…

Parigi, 27 febbraio 2014 …

Dalla svezia sulla fecondazione …

Circa il 2% dei parti e' …

Dieta mediterranea: scudo anti-d…

La dieta mediterranea rid…

Mastoplastica per fini estetici:…

[caption id="attachment_8…

Contro il gomito del tennista te…

La terapia con plasma…

Chetamina contro la depressione

La chetamina potrebbe aiu…

Lo zinco nello sviluppo dell'art…

La scoperta di una protei…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome del follower per un milione di giovani under 20

Oltre un milione gli under 20 dipendenti dal web, quasi un milione e mezzo i fanatici di smartphone e social network

Mentre si discute della possibilità di accedere gratuitamente a internet e l’Italia arranca per offrire la banda larga su buona parte del territorio, mentre l’Istat rivela che meno di due italiani su tre hanno un computer e poco più della metà dispone di un accesso al web, per circa 15 milioni di adolescenti e giovani fino a 35 anni la tecnologia è invece il pane quotidiano e la rete una compagna di vita insostituibile. Tanto che in 7 milioni non possono più farne a meno, letteralmente: secondo un’indagine condotta da ISPO per l’Osservatorio Salute AstraZeneca, un giovane fra i 16 e i 35 anni su due soffre di quella che gli psichiatri hanno ribattezzato la «sindrome del follower».sindrome_followers

DIPENDENZA – La «malattia» altro non è che la dipendenza dalla rete e dalle tecnologie, ormai così pervasive nella vita delle nuove generazioni: secondo i dati raccolti, il 47 per cento dei giovani non riesce a fare a meno di internet, uno su tre si sentirebbe perso senza smartphone e uno su cinque passa ore e ore su Twitter o Facebook. Le percentuali peraltro sono ancora più consistenti prendendo in esame i ragazzi più giovani, con meno di vent’anni: fra questi ci sarebbero un milione e duecentomila dipendenti dal web, 850mila “malati” di smartphone e 600mila forzati da social network. Le nuove dipendenze sono oggi parecchio più diffuse di quelle temute in passato, come shopping compulsivo e dipendenza dai videogiochi o dal sesso (quello reale, almeno): pare che fra i giovani italiani non vada più «di moda», persi come sono alla ricerca di partner e amici virtuali. Perché il problema sta proprio nella differenza che c’è fra la vita vera e quella che si conduce sul web, stando a Claudio Mencacci, presidente della Società Italiana di Psichiatria: «I ragazzi sono fanatici, ormai, della comunicazione a tutti i costi: soprattutto le giovani donne amano parlare e lo fanno con tutti i mezzi possibili, compresi quelli elettronici, tanto da battere i coetanei maschi nella diffusione delle dipendenze da web, smartphone e social network. Il problema è che confondono la vita reale con quella raccontata in rete, il proprio vero sé con il profilo su Facebook».

INSICUREZZA – «Il bisogno di apparire e raccontarsi agli altri sul web può rendere incapaci di “connettersi” a se stessi, di guardarsi dentro – prosegue Mencacci –. Per questo è importante che i ragazzi capiscano di non essere solo un profilo su un social network: non bisogna limitarsi a interagire con gli altri solo attraverso la tecnologia ma riscoprire il piacere degli incontri in carne e ossa, non si deve misurare il proprio “successo” con il numero di follower e amici su Twitter o Facebook». La dipendenza dai nuovi mezzi di comunicazione, secondo lo psichiatra, nasconde in realtà una grande fragilità e insicurezza nella vita reale, dove le ansie e i fallimenti si nascondono peggio che stando dietro a uno schermo a “distanza di sicurezza” dagli altri. Lo confermano i dati raccolti dall’indagine, secondo cui addirittura l’86 per cento dei giovani ha come prima preoccupazione il lavoro, con un 47 per cento che teme di non riuscire a trovarlo o mantenerlo. Altrettanti hanno paura per la propria situazione economica, uno su tre è spaventato dall’eventualità della miseria o delle malattie. Una generazione di giovani timorosi, insicuri, che si rifugiano sul web per non dover affrontare i guai di un mondo sempre più difficile: un’impresa che diventa praticamente impossibile se lo spirito con cui ci si affaccia alle sfide del domani è la rinuncia. Il livello di benessere perciò non è granché: solo la salute sembra reggere (ne sono soddisfatti 9 giovani su 10), ma la maggioranza ritiene che il proprio livello economico, lavorativo e di realizzazione personale sia scarso, insoddisfacente. Il web e i social network, con queste premesse, diventano allora il luogo più confortevole dove rifugiarsi e «perdersi».

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!