Alzheimer: scoperta la proteina …

Identificata da uno s…

USA: Formaldeide aggiunta all'el…

La formaldeide, elemento …

Cancro alla gola: due terzi per …

Due nuovi studi support…

SARS: nuovo ceppo vede lo..zampi…

Il coronavirus della nu…

TEVA presenta nuove ricerche sui…

Inserita nel programma sc…

Prevenzione tumori al seno: mamm…

La mammografia di routine…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Johnson & Johnson annuncia la na…

I consorzi saranno finanz…

Blocco dei recettori del dolore …

Il dolore cronico non e'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un ormone che regala il “risveglio felice”


Difficile da credere in questa stagione che “felicità” e “svegliarsi” possano andare a braccetto. Ma la Natura sembra aver pensato anche a questo: rendere più piacevole alzarsi dal letto la mattina. E l’ho ha fatto tramite un ormone, già ribattezzato l’”ormone del risveglio”, l’orexina anche nota come ipocretina-1. I ricercatori dell’Università della California-Los Angeles guidati da Jerome Siegel hanno, infatti, scoperto che questa molecola è associata con buonumore e felicità e la sua mancanza potrebbe essere all’origine della depressione.orexin

Lo studio pubblicato su Nature Communications rivela l’identikit dell’orexina: favorisce le emozioni positive ed è presente quando si ride e ci si sente felici, funge da leva che ci spinge a compiere azioni che ci rendono felici e ci danno piacere; in sua assenza, come quando abbiamo dormito poco, ci sentiamo infatti sotto tono e giù di corda e siamo meno invogliati a far qualunque cosa.

In una parola siamo come bloccati in uno stato di temporanea depressione. Cala infatti, quando ci si trova sotto stress.

L’enigma narcolessia – Gli studi di Siegel e colleghi hanno rivelato una bizzara interazione tra orexina e narcolessia, un grave disturbo del sonno che induce improvvisi stati di catalessi in chi ne è affetto. Le persone che soffrono di narcolessia, difatti, sono generalmente privi dell’ormone orexina, e spesso, come mostrano le ricerche, gli attacchi di cataplessia, i black-out improvvisi che le colpiscono facendo perdere il tono muscolare, sono spesso preceduti da una risata. Ridere è un meccanismo che innesca una profonda debolezza muscolare e le ricerche di Siegel hanno svelato che l’orexina sembra mantenere sotto controllo i muscoli conservando la capacità di ridere. Cosa che non riesce ai narcolettici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: