Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Disturbi del pavimento pelvico: …

[caption id="attachment_6…

Arterie "malate" per 6 milioni d…

Circa 2 milioni di italia…

Tumori allo stomaco: botox potre…

Il comune trattamento ant…

La storia del latte e del perché…

[caption id="attachme…

Dopo isterectomia valutare l'asp…

Le donne che si sotto…

Embolia polmonare: nel Lazio rig…

Sabato 11 ottobre a Roma,…

Nanoparticella contro malattie c…

[caption id="attachment_1…

Ossa e cartilagini: ricostruirle…

[caption id="attachment_6…

Alcol e fumo aumentano di venti …

La combinazione tra fumar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite reumatoide: tra le possibili cause anche bassi di livelli di testosterone


Bassi livelli dell’ormone testosterone possono essere indicativi di un prossimo sviluppo dell’artrite reumatoide, la malattia infiammatoria cronica che rende difficile e doloroso riuscire a muoversi.Rheumatoid_Arthritis

L’artrite reumatoide resta per certi versi ancora un mistero per la scienza.
E’ infatti una malattia cosiddetta a “eziologia sconosciuta”, ossia non se ne conosce ancora la causa. Tuttavia, si sa che è probabilmente una malattia autoimmune – in cui gioca un ruolo il sistema immunitario – e che è accompagnata da un’infiammazione cronica, sistemica e invalidante. E’ altresì una patologia anchilosante e progressiva, che si presenta con evidenti sintomi dolorosi e una difficoltà nei movimenti.

Nel tentativo di dare una risposta alla domanda su come e quali siano le cause di questa invalidante malattia, i ricercatori dell’Università di Lund e l’Università di Göteborg (Svezia), hanno condotto uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla versione online dell’Annals of the Rheumatic Diseases – una rivista del BMJ.
L’ipotesi suggerita dal team di ricerca guidato dal dottor Mitra Pikwer è che bassi livelli di testosterone sia in uomini che donne – ma in particolare nei maschi – siano indicativi di un possibile sviluppo della malattia.

Sebbene questo fattore non è chiaro se contribuisca all’esordio della patologia, le differenze misurate e rilevate tra le persone sane e quelle che hanno sviluppato l’artrite reumatoide fanno pensare a un coinvolgimento degli ormoni.
Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno preso in considerazione i partecipanti allo Swedish Malmo Preventive Medicine Program (MPMP), che è iniziato nel lontano 1974 e ha visto il coinvolgimento di oltre 33mila persone nate tra il 1921 e il 1949.

I soggetti che partecipavano al programma sono stati sottoposti a una serie di test, alla compilazione di un questionario che verteva sullo stile di vita seguito e la salute. Oltre a ciò, sono stati prelevati loro dei campioni di sangue a digiuno.
Il team di ricerca ha svolto un’indagine per identificare i pazienti che avevano ricevuto nel tempo – e fino al dicembre 2004 – una diagnosi di artrite reumatoide. Dopo di che, ha analizzato i campioni di sangue prelevati da 104 uomini che hanno in seguito sviluppato l’artrite reumatoide, e di altri 174 uomini della stessa età che invece non hanno sviluppato la malattia.

Gli anni che sono intercorsi dal prelievo di sangue e la manifestazione della malattia variavano da soggetto a soggetto, ma in linea generale da 1 a 28 – con una media di 13 anni.
Il cosiddetto “Rheumatoid factor”, un anticorpo la cui presenza che indica la gravità della malattia e viene utilizzato per classificare la condizione, era noto al momento della diagnosi per l’83 per cento degli uomini.  Di questi, il 73 per cento è risultato positivo, mentre il resto dei partecipanti è risultato negativo.

Dopo aver preso in considerazione quelli che allo stato attuale sono considerati tra i fattori di rischio per l’artrite reumatoide, come il vizio del fumo e l’Indice di Massa Corporea (BMI), i ricercatori hanno concluso che gli uomini con bassi livelli di testosterone nel sangue avevano maggiori probabilità di sviluppare la malattia.

Archivi