Artrite: strategia di propagazio…

[caption id="attachment_5…

Asma e BPCO, come proteggersi pe…

Oltre 7,5 milioni di ita…

Antidolorifico da banco efficace…

Una nuova meta-analisi pu…

Nervi recisi: team di scienziati…

Un team di scienziati ame…

[AME] Il diabete mellito di tipo…

L’OMS lancia l’allarme: s…

Tumori al polmone: software per …

[caption id="attachment_7…

Il nostro sistema immunitario sp…

Il 29 aprile si celebra l…

Esposti ai Raggi X, ecco come l'…

I raggi X cui sono espos…

Malattia di Huntington: la ricer…

Una ricerca condotta dall…

Novità, risultate da studi di ge…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite reumatoide: tra le possibili cause anche bassi di livelli di testosterone


Bassi livelli dell’ormone testosterone possono essere indicativi di un prossimo sviluppo dell’artrite reumatoide, la malattia infiammatoria cronica che rende difficile e doloroso riuscire a muoversi.Rheumatoid_Arthritis

L’artrite reumatoide resta per certi versi ancora un mistero per la scienza.
E’ infatti una malattia cosiddetta a “eziologia sconosciuta”, ossia non se ne conosce ancora la causa. Tuttavia, si sa che è probabilmente una malattia autoimmune – in cui gioca un ruolo il sistema immunitario – e che è accompagnata da un’infiammazione cronica, sistemica e invalidante. E’ altresì una patologia anchilosante e progressiva, che si presenta con evidenti sintomi dolorosi e una difficoltà nei movimenti.

Nel tentativo di dare una risposta alla domanda su come e quali siano le cause di questa invalidante malattia, i ricercatori dell’Università di Lund e l’Università di Göteborg (Svezia), hanno condotto uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla versione online dell’Annals of the Rheumatic Diseases – una rivista del BMJ.
L’ipotesi suggerita dal team di ricerca guidato dal dottor Mitra Pikwer è che bassi livelli di testosterone sia in uomini che donne – ma in particolare nei maschi – siano indicativi di un possibile sviluppo della malattia.

Sebbene questo fattore non è chiaro se contribuisca all’esordio della patologia, le differenze misurate e rilevate tra le persone sane e quelle che hanno sviluppato l’artrite reumatoide fanno pensare a un coinvolgimento degli ormoni.
Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno preso in considerazione i partecipanti allo Swedish Malmo Preventive Medicine Program (MPMP), che è iniziato nel lontano 1974 e ha visto il coinvolgimento di oltre 33mila persone nate tra il 1921 e il 1949.

I soggetti che partecipavano al programma sono stati sottoposti a una serie di test, alla compilazione di un questionario che verteva sullo stile di vita seguito e la salute. Oltre a ciò, sono stati prelevati loro dei campioni di sangue a digiuno.
Il team di ricerca ha svolto un’indagine per identificare i pazienti che avevano ricevuto nel tempo – e fino al dicembre 2004 – una diagnosi di artrite reumatoide. Dopo di che, ha analizzato i campioni di sangue prelevati da 104 uomini che hanno in seguito sviluppato l’artrite reumatoide, e di altri 174 uomini della stessa età che invece non hanno sviluppato la malattia.

Gli anni che sono intercorsi dal prelievo di sangue e la manifestazione della malattia variavano da soggetto a soggetto, ma in linea generale da 1 a 28 – con una media di 13 anni.
Il cosiddetto “Rheumatoid factor”, un anticorpo la cui presenza che indica la gravità della malattia e viene utilizzato per classificare la condizione, era noto al momento della diagnosi per l’83 per cento degli uomini.  Di questi, il 73 per cento è risultato positivo, mentre il resto dei partecipanti è risultato negativo.

Dopo aver preso in considerazione quelli che allo stato attuale sono considerati tra i fattori di rischio per l’artrite reumatoide, come il vizio del fumo e l’Indice di Massa Corporea (BMI), i ricercatori hanno concluso che gli uomini con bassi livelli di testosterone nel sangue avevano maggiori probabilità di sviluppare la malattia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!