Incostituzionalità del divieto d…

“Siamo ora pronti a prose…

Testosterone: nessun legame col …

[caption id="attachme…

Sonno inquieto: potrebbe essere …

Alcuni disturbi del sonno…

Pressione arteriosa: cambia quat…

I cambiamenti della press…

Alzheimer: una proteina con pote…

[caption id="attachment_8…

Il gene del seme animale che res…

[caption id="attachment_8…

Sensibilità al glutine non celia…

La rivista scientifica “N…

Collagenasi di Clostridium histo…

È stata autorizzata anche…

Vaccino: perché potrebbe essere …

Un problema con il testos…

Tumori al fegato: nuova tecnica …

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: individuate le aree che vengono “firmate” dal dolore


Lo studio dell’Università del Colorado, pubblicato sul New England Journal of Medicine. I ricercatori hanno esaminato le immagini di 114 cervelli scattate quando i volontari sono stati esposti a diversi livelli di calore.cervello

PER LA PRIMA volta è stata individuata nel cervello la ‘firma’ del dolore e il risultato potrebbe portare allo sviluppo di metodi affidabili per quantificare in modo oggettivo il dolore dei pazienti. Tutto questo è possibile analizzando immagini del cervello scattate a un gruppo di volontari mentre sentivano dolore. Il test è stato portato avanti da un gruppo di ricerca americano coordinato dall’università del Colorado a Boulder. La ricerca, pubblicata sulla rivista New England Journal of Medicine, può inoltre porre le basi per lo sviluppo di metodi che utilizzano scansioni del cervello per misurare oggettivamente ansia, depressione, rabbia o altri stati emotivi. “In questo momento – ha osservato il coordinatore del lavoro, Tor Wager – non c’è un metodo clinicamente accettabile per misurare il dolore e altre emozioni diverse se non chiedere a una persona come si sente”. Attualmente, infatti, l’intensità del dolore può essere misurata solo in base alla descrizione di un paziente, che spesso include la classifica del dolore su una scala da uno a 10.

Per arrivare alle loro conclusioni, i ricercatori hanno esaminato le immagini di 114 cervelli scattate quando i volontari sono stati esposti a livelli di calore, che vanno da benignamente caldo a dolorosamente caldo.

E’ stato così possibile identificare una firma distinta neurologica del dolore fisico e i ricercatori sono stati sorpresi di vedere che questa ‘firma’ è la stessa in tutte le

persone: si aspettavano, invece, che sarebbe stata unica per ogni individuo. Questo permette di prevedere quanto dolore una persona sta avvertendo con un’accuratezza compresa fra il 90 e il 100 per cento. E’ stata anche una sorpresa scoprire che tale ‘firma’ era specifica per il dolore fisico. Secondo studi precedenti, invece, la sofferenza psicologica può apparire molto simile al dolore fisico in termini di attività cerebrale che produce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: