Nuove opportunità terapeutiche n…

Se ne discute al Workshop…

Progetto Salute e qualità della …

L’Università di Milano-Bi…

Anemia renale: SIN, terapia spec…

Il coinvolgimento del paz…

Chiesi al primo posto per gli in…

Il positivo riconosciment…

Malattie sessualmente trasmesse:…

Maggiori libertà sessuali…

Cardiologia: bypass biologici po…

[caption id="attachment_6…

Lesioni muscolari: individuati g…

Un nuovo studio effettuat…

Identificato un gene difettoso …

[caption id="attachme…

Dipendenza da internet è ufficia…

La dipendenza da Internet…

Cervello: individuate le aree ch…

Lo studio dell'Univer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: attacchi in età pediatrica possono compromettere lo sviluppo


Alcuni ricercatori britannici hanno scoperto un ritardo nello sviluppo infantile nelle sei settimane successive a uno stato convulsivo epilettico (Cse), una crisi che dura per piu’ di 30 minuti. epilessiaLo studio compare sulla rivista ‘Epilepsia’ ed e’ opera dello University College London Institute of Child Health di Londra. La ricerca suggerisce che, anche a distanza di un anno dallo Cse, continua a permanere un problema nel neurosviluppo del bambino. Molti studi hanno mostrato che episodi di Cse avvengono di frequente durante i primi tre ani di vita, un periodo critico nella crescita e nello sviluppo del bambino. “Il nostro studio per la prima volta ha esaminato le funzioni cognitive, linguistiche e motorie nei bambini nell’arco di sei settimane dopo il Cse e fino a un anno dopo questo episodio, per tracciarne lo sviluppo'”, ha spiegato Marina Martinos, a capo del gruppo di ricerca. “Il Cse potrebbe avere un impatto a lungo termine sullo sviluppo attraverso una permanente riorganizzazione delle reti funzionali cerebrali. Una riorganizzazione che potrebbe essere gia’ completata quando viene rilevata per la prima volta nel bambino”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi