Psicofarmaci ai bambini, adesion…

PRESENTATO A ROMA “SALVIA…

Con padre anziano figli più espo…

I padri che concepiscono …

Trombosi venosa: medici avverton…

La trombosi venosa profon…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Autismo: il ruolo del sistema im…

Cambiamenti specifici in…

Fibrillazione atriale: a rischio…

Le persone ad alto rischi…

Legge 40 sulla fecondazione assi…

"In uno dei prossimi Cdm …

Perché il resveratrolo fa bene a…

Scienziati hanno scoperto…

Il CHMP europeo esprime parere p…

Foster City, California, …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

(ASCA) Arriva in farmacia un nuovo cicatrizzante brevettato dall’ENEA


L’ENEA, ”a fronte degli ottimi risultati ottenuti dall’impiego del medicamento fitoterapico per la cicatrizzazione realizzato nei propri laboratori, che permette la cura delle lesioni esterne di qualunque estensione e natura, e che puo’ essere applicato sia sulle persone che sugli animali”, ha concesso la licenza del brevetto del prodotto alla ditta Phytoceuticals Ltd di Zurigo, che lo potra’ cosi’ produrre e commercializzare sul territorio italiano. Il prodotto sara’ in vendita con il nome di ”1 Primary Wound Dressing” per uso umano tramite la ditta ENDOSPIN Italia.
processo di coagulazione

processo di coagulazione

A breve sara’ disponibile anche il corrispettivo per uso veterinario.

Il medicamento messo a punto dai ricercatori ENEA ”e’ applicabile su tutti i tipi di lesioni dal primo stadio fino alla completa risoluzione del caso. Le spiccate proprieta’ cicatrizzanti sono di grande utilita’ per la guarigione di ferite sia acute (traumatiche, da ustione, ecc), che croniche (da decubito, ulcere vascolari).

Il preparato combatte le complicazioni batteriche delle ustioni, anche gravi, senza uso di antibiotici. Presenta proprieta’ antinfiammatorie e lenitive, ha effetto repellente e biocida, tenendo lontane mosche, mosconi, moscerini, e altri insetti evitando la deposizione delle uova sulle ferite e lo sviluppo delle larve. Permette la gestione del paziente anche in condizioni igienico-sanitarie precarie, consente l’automedicazione, stimola la reazione fisiologica del soggetto trattato e determina la precoce scomparsa del dolore”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi