SLA: carotenoidi utili nella pre…

Una nuova ricerca suggeri…

Ciglia artificiali, sensori per …

Finanziato nell’ambito de…

Cancro: presentato al British Sc…

Cancro, potrebbe essere u…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Le Società scientifiche della di…

TANTE LE CRITICITÀ E LE C…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Nevralgie del trigemino al Forla…

[caption id="attachment_1…

Lo sport migliora la potenza e l…

L'esercizio fisico contra…

L'uomo, la fertilità, ed il suo …

Anche gli uomini hanno un…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bambini bilingue, cervello a “doppio canale”


I bambini bilingue utilizzano due “canali” separati del cervello per imparare le lingue, che quindi risultano della stessa difficolta’. Lo afferma uno studio pubblicato dall’International Journal of Bilingualism dell’universita’ statunitense di Ithaca. bilingueLo studio ha analizzato l’apprendimento delle lingue di cinque bambini bilingue anglo-spagnoli, confrontandolo con quello di cinque madrelingua inglesi e altrettanti spagnoli. Il risultato ha confermato l’ipotesi di partenza dello studio, cioe’ che per il cervello dei bambini le due lingue hanno la stessa difficolta’ e sono processate su “canali” diversi. “Mentre i bambini bilingue producono piu’ forme verbali complesse in spagnolo che in inglese – scrivono gli autori – il loro grado di approssimazione nelle due lingue e’ lo stesso.

Forse mentre imparano qualche ‘algoritmo interno’ stabilisce quanto sia necessario articolare i suoni per essere capiti in una determinata lingua. Inoltre non ci sono particolari differenze tra i bilingue e i monolingue, segno che nel cervello dei primi c’e’ una buona separazione tra i ‘canali’ dei due idiomi”. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi