"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Calcoli renali: possono minare la salute cardiaca delle donne


Studio evidenza un’associazione tra le malattie
Avere avuto calcoli renali aumenta del 30% il rischio di soffrire di cuore, ma solo per le donne. Lo hanno scoperto ricercatori dell’Università Cattolica e del Policlino “Gemelli” di Roma insieme ai colleghi di Harvard.
kidney

La scoperta è frutto di un maxi-studio durato 24 anni, che ha coinvolto oltre 240 mila persone. Lo studio, pubblicato sul Journal of American Medical Association” (JAMA), ha monitorato la salute di tutti i soggetti che non presentavano segni iniziali di malatti cardiaca. Nel corso del tempo sono stati individuati i casi di infarto del miocardio o di malattia coronarica, curati con angioplastica o con by-pass. Confrontando questi numeri con la prevalenza di calcoli renali i ricercatori hanno scoperto un’associazione significativa tra calcoli renali e malattia cardiaca. In presenza di calcoli la donna ha un rischio-cuore più alto del 30% a parità di altri fattori di rischio come fattori dietetici, diabete e ipertensione.

Casi in aumento – La calcolosi renale è una patologia frequente e in aumento nella popolazione generale, con una frequenza in Italia pari quasi a una persona su dieci. Cosa li provoca? In parte sono familiari, quindi c’è una predisposizione genetica, in altri casi sono legati allo stile di vita: scarsa idratazione, dieta ricca in sale e proteine animali. Adesso lo studio, condotto da Pietro Manuel Ferraro, nefrologo presso l’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell’Università Cattolica-Complesso Integrato Columbus ha messo in luce questa nuova relazione con il cuore.

“È difficile spiegare perché la stessa associazione non è stata evidenziata per il sesso maschile – commenta Ferraro – , ma fattori ormonali o relativi alla composizione dei calcoli renali potrebbero spiegare questi risultati”. Una novità che potrebbe portare a monitorare con attenzione la salute del cuore di chi soffre o ha sofferto di calcoli renali.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!