APPUNTAMENTO A MILANO PER SCOPRI…

A Milano un incontro tra …

Bilirubina: protegge da cancro e…

Il pigmento contenuto nel…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Cellule staminali: come utilizza…

L'uso di cellule stamina…

Distrofia muscolare: allo studio…

Rigenerare i muscoli da…

Talidomide: arrivano dopo 50 ann…

Ci sono voluti 50 anni, d…

Influenza in arrivo: da Riga l’O…

Influenza in arrivo: da R…

I polifenoli del luppolo aiutano…

Il luppolo, noto per esse…

Immuni al virus dell'AIDS: si sc…

Praticamente immuni al vi…

In uno studio su pazienti, idaru…

• I primi risultati di un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro ai polmoni: confutata la connessione con lo smog


Esiste una connessione fra l’aria inquinata e il cancro al polmone. Lo dimostra una maxi ricerca condotta su 300 mila persone residenti in 9 Paesi europei, fra cui l’Italia, alla quale hanno collaborato 36 centri e piu’ di 50 ricercatori. Pubblicata su Lancet Oncology, la ricerca dice anche che l’Italia conquista il triste primato di citta’ – Torino, Roma, Varese tra i centri monitorati – con la piu’ alta presenza di inquinanti nell’aria.lung_cancer Lo studio – condotto su 312.944 persone di eta’ compresa tra i 43 e i 73 anni, di Svezia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Regno Unito, Austria, Spagna, Grecia e Italia, osservate per un periodo di circa 13 anni – ha mostrato che, per ogni incremento di 10 microgrammi di Pm10 per metro cubo presenti nell’aria, il rischio di tumore al polmone aumenta di circa il 22%. Percentuale che sale al 51% per l’adenocarcinoma, unico tumore che si sviluppa in un significativo numero di non fumatori. Fra le persone monitorate nel corso degli anni, ben 2.095 hanno sviluppato un cancro al polmone.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi