Nuovi biomarcatori per una diagn…

[caption id="attachment_7…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Test italiano per predire Alzhei…

C4D, un semplice esame di…

Emergenza Ebola, la gestione dei…

i pediatri di sitip e sip…

Influenza in arrivo: da Riga l’O…

Influenza in arrivo: da R…

Everest chiama Milano - Breathin…

Parte da Milano un proget…

NEXUS 2010: uniti contro il dist…

L’edizione 2010 del Nexus…

Tumore alla prostata: a Saviglia…

[caption id="attachment_6…

Neuroprotesi: controllare gli ar…

Le interfacce cervello-ma…

Killer whales in Antarctic water…

NOAA's Fisheries Serv…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da cellule staminali a macrofagi


Alcuni biologi del California Institute of Technology sono riusciti a esaminare nel dettaglio il meccanismo che porta le cellule staminali indifferenziate del sangue a trasformarsi in macrofagi, le cellule immunitarie che attaccano i batteri e gli altri patogeni estranei.

macrofagi

macrofagi

Il processo, come si legge su ‘Science Express’, coinvolge un ciclo inatteso in cui la divisione delle cellule rallenta, portando a un accumulo di una particolare proteina regolatoria che a sua volta rallenta ulteriormente la divisione cellulare nella generazione dei macrofagi.
La scoperta potrebbe fornire nuovi indizi su come le cellule staminali siano indotte a generare un tipo di cellula piuttosto di un’altra. La proteina regolatoria coinvolta si chiama PU.1 ed e’ importante nella produzione di almeno quattro tipi diversi di cellule del sangue differenziate.

“I nostri risultati spiegano come le cellule staminali del sangue possono differenziarsi in macrofagi rallentando il proprio ciclo di divisione”, ha commentato Hao Yuan Kueh, fra gli autori dello studio.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x