L'ipotesi sull'origine genetica …

[caption id="attachment_9…

Approvato negli USA un nuovo far…

La Food and Drug Administ…

Metastasi ossee: l'inibizione di…

Ricercatori francesi hann…

Cervello: una sostanza chimica p…

Una sostanza chimica trov…

Il Governo Monti dice 'no' ai ri…

Roma, 21 dicembre 2012. R…

Anoressia: italiani spiegano per…

Meno materia grigia nell…

Progetto Salute e qualità della …

L’Università di Milano-Bi…

Il metodo della riabilitazione p…

L’innovativo approccio ri…

Tumori: inizio lavori congresso …

Oltre sei milioni di doll…

Inibitori gamma secretasi - usat…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: protocollo terapeutico in gravidanza non comporta ritardi di sviluppo nei nascituri


La combinazione di farmaci anti-Hiv che le donne devono prendere in gravidanza per evitare di trasmettere la patologia ai nascituri non ritarda l’apprendimento del linguaggio da parte dei bimbi. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Pediatric Infectious Disease Journal dell’Nih americano. I ricercatori hanno studiato un gruppo di donne sieropositive in gravidanza sottoposte al trattamento confrontando i loro figli con quelli di donne, sempre sieropositive, che pero’ non si erano curate.HIV
All’eta’ di due anni il tasso di bambini con ritardo di apprendimento del linguaggio e’ risultato identico nei due gruppi. “Solo uno dei farmaci usati, l’atazanavir, dovrebbe essere monitorato – scrivono gli autori – perche’ i bimbi di mamme che lo usano hanno un ritardo nell’apprendimento all’eta’ di un anno. Questa differenza pero’ sparisce una volta raggiunti i due anni di eta'”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x