Il Mese Europeo del cervello: pr…

Per celebrare il Mese e…

Le strategie segrete dei batteri…

[caption id="attachment_7…

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

Ricercatori finanziati dall'UE t…

[caption id="attachment_1…

Un feedback sui disturbi cerebra…

I disturbi cerebrali, com…

Tac a spirale: riduce del 20 per…

[caption id="attachment_9…

Melatonina, l'Italia si allinea …

Primo prodotto a base di …

Emicrania: scatoletta a impulsi …

[caption id="attachment_6…

Gardasil®: il Comitato Europeo p…

I dati di immunogenicità …

Botulinofilia: dipendenza da rit…

Una vera dipendenza per i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Integratori alimentari a base di grassi omega contro l’occhio secco


L’integrazione alimentare quotidiana con una combinazione di tre acidi grassi omega – il GLA, l’EPA e il DHA – per sei mesi e’ risultata efficace nel miglioramento dei sintomi di irritazione oculare che caratterizzano il disturbo dell’occhio secco. E’ la scoperta di una nuova ricerca promossa dal Baylor College of Medicine e dal Virginia Eye Consultants pubblicata online su Cornea. omega3L’assunzione del mix di grassi omega riesce anche ad arrestare la progressione dell’infiammazione correlata alla patologia oculare. Il tema ha testato l’impatto di un integratore contenente acido gamma-linolenico, acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico. Il prodotto somministrato ogni giorno per sei mesi e’ riuscito a diminuire i sintomi di irritazione oculare, a sopprimere l’infiammazione della superficie oculare e a mantenere la levigatezza superficiale della cornea nei pazienti affetti da occhio secco.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Integratori alimentari a base di grassi omega c... Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] L'integrazione alimentare quotidiana con una combinazione di tre acidi grassi omega – il GLA, l'EPA e il DHA – per sei mesi e' risultata efficace nel.  […]

Archivi