L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La dopamina e il ruolo chiave nella malattia di Huntington


La dopamina sembra svolgere un ruolo cruciale nello sviluppo dei sintomi della malattia di Huntington. La scoperta e’ di una nuova ricerca condotta da Michael S. Levine dell’Universita’ della California che ha dimostrato che la funzione della dopamina nello striato e’ alterata nei pazienti affetti dalla patologia neurodegenerativa ereditaria caratterizzata da movimenti incontrollabili nella prima fase (corea) e perdita di movimenti volontari nelle fasi successive (inflessibilita’ comportamentale).   Lo squilibrio della dopamina sembra essere associato alla mancanza di flessibilita’ comportamentale nei malati. Poiche’ molte cellule nello striato usano la dopamina come segnale chimico per la comunicazione, i cambiamenti nel neurotrasmettitore possono ostacolare le comunicazioni cellula-cellula nel cervello, portando all’insorgenza di disfunzioni e alla morte cellulare.
Lo studio californiano sostiene che i cambiamenti nelle funzioni della dopamina contribuiscono allo sviluppo di alcuni sintomi della malattia di Huntington. In particolare, ad aumenti dei livelli di dopamina corrisponde la comparsa iniziale della corea mentre le riduzioni dei livelli del neurotrasmettitore appaiono correlate ai sintomi della fase avanzata. Un elemento da tenere in conto, secondo i ricercatori, per la promozione di trattamenti efficaci coerenti nel tempo con i diversi squilibri della dopamina. L’indagine e’ stata presentata su Frontiers in Neuroscience.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!