Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pediatria: il sonno nei bambini di 3 anni incide direttamente sullo sviluppo dell’intelligenza


Dormire in modo irregolare durante la prima infanzia, soprattutto intorno ai 3 anni, potrebbe ridurre l’energia cerebrale dei bambini e avere effetto a catena anche per l’intera vita. A dirlo uno studio pubblicato sul ‘British Medical Journal’ che rientra nello UK Millennium Cohort Study.  Gli scienziati hanno analizzato l’energia del cervello di piu’ di 11mila bambini nella prima infanzia: dormire in modo irregolare era piu’ comune all’eta’ di 3 anni, quando un bambino su cinque andava a letto in modo variabile. Dall’eta’ di 7 anni, oltre la meta’ dei bambini era sotto le coperte regolarmente fra le 19.30 e le 20.30. I piccoli il cui sonno era irregolare o che andavano a letto dopo le 21 provenivano da contesti socialmente disagiati. Le bambine di 7 anni che dormivano a orari irregolari avevano punteggi minori nei test d’intelligenza, rispetto a quelle con sonno regolare.

Questo effetto non si vedeva nei maschi di 7 anni. In particolare, l’eta’ di 3 anni era il periodo piu’ critico: dormire in modo irregolare a 3 anni produceva punteggi piu’ bassi, successivamente, nella lettura, nelle abilita’ matematiche e in quelle spaziali, sia nei bambini che nelle bambine.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi