Sinusite: nuovo metodo di diagno…

Un nuovo metodo di diagno…

Conferenza Stato-Regioni per pro…

La Conferenza Stato-Reg…

Quando il dolore cronico altera …

[caption id="attachment_7…

Terapia ormonale sostitutiva: ri…

Un gruppo di ricercatori …

Alimentazione: maggior assunzion…

[caption id="attachment_6…

Scoperta biotech a Milano: gene …

Un team di ricercatori de…

Aprile mese della salute delle o…

Porte aperte in oltre 100…

Scoperte cellule immunitarie che…

Un sottoinsieme di cellul…

Malattie dello scheletro: import…

...e le ossa tornano nuov…

Cervello in coma: attività inasp…

Anche in presenza di un e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Polmonite: trova terreno fertile per rapida progressione se infettati da virus H7N9


Una progressione molto rapida, con una marcata opacità degli alveoli polmonari e il coinvolgimento degli interstizi: sono i segnali che caratterizzano e differenziano la polmonite causata dal virus H7N9 rispetto ad altri tipi di infezioni respiratorie influenzali. A stabilirlo è il primo studio, del Department of Radiology dello Shanghai Public Health Clinical Center dell’Università del Fudan (Cina) pubblicato sulla rivista ‘Radiology’, che descrive a livello radiologico la particolarità della polmonite scatenata dall’influenza aviaria H7N9 segnalato in Cina nel marzo scorso con oltre 130 casi accertati e 39 morti.
“Questo nuovo ceppo negli esseri umani ha provocato una grave e rapida progressione della malattia respiratoria – avvertono i ricercatori – il virus H7N9 può causare la sindrome da distress respiratorio acuto dell’adulto (Arda), l’insufficienza polmonare e la morte”. Grazie all’uso, su un gruppo di pazienti, dell’imaging radiografica e della tac gli scienziati hanno stabilito che le caratteristiche della polmonite scatenata dal virus H7N9 sono simili ad altre malattie respiratorie, ma con alcune unicità. La polmonite da virus H1N1 e la sindrome respiratoria acuta e grave (Sars) provocano più cambiamenti nei tessuti dell’organo e progrediscono meno rapidamente rispetto al ceppo H7N9. “Inoltre – aggiungono – nel nostro studio il polmone destro inferiore aveva più probabilità di essere coinvolto, mentre non c’è alcuna predilezione nel caso dell’influenza H5N1”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi