Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Sensore intelligente: 5 secondi …

[caption id="attachme…

Bambini esposti a violenza tra l…

I bambini esposti a viole…

Sclerosi Laterale Amiotrofica: a…

Avviata presso l'Universi…

Lotta al diabete: Verso la partn…

Il diabete colpisce quasi…

Gas intestinali possono essere a…

Il gas presente nel nostr…

Cancro ai polmoni: tra le donne …

Il cancro al polmone è de…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Il fungo della formica zombi

L'anomalo comportamento d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Polmonite: trova terreno fertile per rapida progressione se infettati da virus H7N9


Una progressione molto rapida, con una marcata opacità degli alveoli polmonari e il coinvolgimento degli interstizi: sono i segnali che caratterizzano e differenziano la polmonite causata dal virus H7N9 rispetto ad altri tipi di infezioni respiratorie influenzali. A stabilirlo è il primo studio, del Department of Radiology dello Shanghai Public Health Clinical Center dell’Università del Fudan (Cina) pubblicato sulla rivista ‘Radiology’, che descrive a livello radiologico la particolarità della polmonite scatenata dall’influenza aviaria H7N9 segnalato in Cina nel marzo scorso con oltre 130 casi accertati e 39 morti.
“Questo nuovo ceppo negli esseri umani ha provocato una grave e rapida progressione della malattia respiratoria – avvertono i ricercatori – il virus H7N9 può causare la sindrome da distress respiratorio acuto dell’adulto (Arda), l’insufficienza polmonare e la morte”. Grazie all’uso, su un gruppo di pazienti, dell’imaging radiografica e della tac gli scienziati hanno stabilito che le caratteristiche della polmonite scatenata dal virus H7N9 sono simili ad altre malattie respiratorie, ma con alcune unicità. La polmonite da virus H1N1 e la sindrome respiratoria acuta e grave (Sars) provocano più cambiamenti nei tessuti dell’organo e progrediscono meno rapidamente rispetto al ceppo H7N9. “Inoltre – aggiungono – nel nostro studio il polmone destro inferiore aveva più probabilità di essere coinvolto, mentre non c’è alcuna predilezione nel caso dell’influenza H5N1”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!