La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Fumo passivo: compromette il neu…

I neonati esposti alla ni…

Epilessia: attacchi in età pedia…

Alcuni ricercatori b…

Infarto: scoperto un gene che ne…

[caption id="attachme…

Demenza: secondo esperti è un ve…

AGeSPI e Regione Piemonte…

Radiologia interventistica: aume…

[caption id="attachment_6…

Terapie per la fertilità non min…

Le terapie per la fer…

Un particolare cioccolato che ci…

E' in arrivo un 'supercio…

Ricreata da DNA proteina present…

[caption id="attachment_7…

Medtronic presenta Carelink, per…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Primo impianto dispositivo Watchman al FBF Sannio


E’ stato eseguito per la prima volta nel Sannio, e tra i primi in Italia, un intervento di chiusura percutanea dell’auricola sinistra in un paziente con fibrillazione atriale cronica ed elevato rischio embolico ed emorragico.watchman L’innovativo intervento e’ stato realizzato dall’equipe di cardiologia interventistica dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesu’ Fatebenefratelli di Benevento, coordinata da Bruno Villari e guidata da Natale Marrazzo con Quirino Ciampi, Michele Della Porta e Bruno Petruzziello, che ha impiantato per via percutanea un dispositivo, denominato ”Watchman”, capace di occludere in via definitiva l’auricola sinistra sede di trombi a forte potenzialita’ emboligena in un paziente ad elevato rischio emorragico per angiodisplasia gastrica emorragica. Attraverso la puntura della vena femorale, e del setto interatriale cardiaco mediante tecnica transettale, sotto guida fluoroscopica ed ecocardiografica transesofagea, e’ stato posizionato il dispositivo Watchman, composto da una struttura autoespandibile in nichel e titanio con uncini di fissaggio ed un tessuto di PET, all’interno del cuore, piu’ precisamente nell’auricola sinistra provvedendo cosi’ alla occlusione della stessa ed impedendo la migrazione dei trombi che si formano in questa piccola appendice dell’atrio di sinistra nei soggetti con fibrillazione atriale. Il paziente e’ stato dimesso in seconda giornata post-operatoria in ottima forma e senza necessita’ di terapia anticoagulante.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi