Videocapsule potrebbero sostitui…

[caption id="attachment_1…

Ancora un mese per partecipare a…

Con 500.000 persone col…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

Boehringer Ingelheim inizia uno …

Primo studio registra…

Resveratrolo, e l'efficacia cont…

Un composto polifenolico,…

La multipla personalita' dei gen…

[caption id="attachment_5…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

Parto naturale stimola nella don…

Il parto naturale, a diff…

Mammografia: in grado di dimezza…

Vincere il cancro del sen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al colon-retto: con 52.000 diagnosi stimate nel 2012 risulta il tumore a maggiore insorgenza nella popolazione italiana

Migliora la sopravvivenza dei pazienti che ne sono colpiti e a 5 anni dalla diagnosi la sopravvivenza stimata è pari al 64%, grazie ai miglioramenti terapeutici e alla diagnosi precoce. Recentemente, al Congresso della Società Americana di Oncologia (ASCO), sono stati presentati i risultati di diversi studi randomizzati, tra i quali FIRE-3.

Il Prof. Francesco Di Costanzo analizzando i risultati dello studio FIRE-3 afferma che “al momento non cambierà la nostra pratica clinica e si aspettano maggiori dati in grado di risolvere il quesito clinico di quale sia il miglior biologico in prima linea da associare alla chemioterapia” Lo screening e la diagnosi, che rappresentano due aspetti importanti per organizzare una miglior strategia terapeutica, sono stati i temi al centro del 15° Congresso mondiale sui tumori gastrointestinali organizzato dall’ESMO (Società Europea di Oncologia Medica) dal 3 al 6 luglio a Barcellona. Si tratta del principale evento mondiale nel settore relativo ai tumori maligni che interessano ogni componente del tratto gastrointestinale. Milano, 11 luglio 2013 – Il tumore del colon-retto è in assoluto il tumore a maggiore insorgenza nella popolazione italiana, con quasi 52.000 diagnosi stimate nel 2012. “In Italia l’incidenza delle neoplasie del colon-retto è di circa 48-50mila casi ogni anno,” – dichiara il Prof. Francesco Di Costanzo, Direttore Oncologia Medica Ospedale Careggi di Firenze – “e circa 22mila pazienti presentano la malattia in fase avanzata o metastatica”.

Tra gli uomini è il terzo tipo di tumore più diffuso dopo quelli alla prostata e al polmone mentre tra le donne è al secondo posto preceduto dal tumore alla mammella.1 L’importanza dello screening è evidenziata dal fatto che il tumore del colon-retto in stadio iniziale si presenta spesso senza sintomi. “L’avvio di numerosi programmi di screening” – continua il Prof. Di Costanzo – “ha permesso un maggior numero di diagnosi in fase iniziale della neoplasia, quindi un contenimento del trend di crescita della patologia ”. In Italia, nel corso del 2011, quasi 1,8 milioni di donne e uomini hanno effettuato il test del sangue occulto nelle feci (o la rettosigmoidoscopia) per identificare precocemente il tumore del colon retto e il 45-50% della popolazione target riceve periodicamente l’invito per sottoporsi ai test per la diagnosi precoce. Negli ultimi anni gli screening hanno avuto un impatto significativo sulla salute di decine di migliaia di persone, contribuendo ogni anno all’individuazione di lesioni e 1 “I numeri del cancro 2012”, AIOM-AIRTUM 2/2 forme pre-tumorali o di tumori conclamati. Nel 2011, infatti, grazie allo screening del colon-retto sono stati individuati oltre 2.800 tumori e più di 15.000 adenomi avanzati. 2 In occasione del Congresso della Società Americana di Oncologia (ASCO), che si è svolto a Chicago ai primi di giugno, sono stati presentati alcuni studi molto importanti per il trattamento del tumore al colon-retto in fase avanzata come FIRE-3, studio tedesco di fase III, del gruppo cooperativo AIO, che confrontava un trattamento chemioterapico standard (FOLFIRI) associato a Bevacizumab o Cetuximab in prima linea nei pazienti senza alterazioni del gene Kras. “Lo studio era stato disegnato per valutare la risposta al trattamento,” – afferma il Prof. Di Costanzo – “ma questa non è risultata significativa, se non nel gruppo selezionato per malattia misurabile.

La sopravvivenza è caratterizzata da una curva che per i primi 18 mesi è sovrapponibile” – continua il Prof. Di Costanzo – “per poi divaricarsi in modo significativo a 24 mesi con una sopravvivenza mediana di 28,7 e 25 mesi rispettivamente. Questo studio, pur essendo molto interessante, solleva più dubbi interpretativi che chiarimenti circa quale farmaco biologico sia più efficace in associazione con la chemioterapia in prima linea”. “Tutti gli esperti a questo punto rimandano la soluzione di questo quesito alla studio di un gruppo cooperativo americano (CALGB89405) che dovrebbe essere presentato all’ASCO 2014” – dichiara il prof. Di Costanzo – “e alcuni aspetti dello studio FIRE-3 necessitano di essere approfonditi e meglio chiariti riguardo ai trattamenti che i pazienti, inclusi nello studio, hanno ricevuto nelle linee successive”. “La sopravvivenza senza progressione (PFS) è risultata identica.” – conclude il Prof. Di Costanzo – “Credo che il FIRE-3 al momento non sia in grado di risolvere il quesito clinico di quale sia il miglior farmaco biologico in prima linea da associare alla chemioterapia e pertanto, questo studio, non dovrebbe modificare la pratica clinica”.

Ketchum

Silvana Visentini, tel. 02 62411918, 348 8526212, silvana.visentini@ketchum.com

Michele Grieco, tel. 02 62411963, michele.grieco@ketchum.com 2

http://www.epicentro.iss.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!