Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

I dermatologi ai pazienti con ps…

Più di un terzo dei pazie…

Le leggi che ritardano l’arrivo …

In Italia perdura la prat…

[Santanews]Dialisi peritoneale: …

[caption id="attachment_6…

Scoperta nuova molecola che bloc…

Il gruppo di Oncogenomica…

I telomeri: le nostre clessidre …

I telomeri sono le nostre…

Vaccino quadrivalente anti-HPV: …

Alti tassi di copertura v…

Stress e collera: i geni incidon…

Una nuova scoperta nel ca…

Ossa e cartilagine rigenerate gr…

In futuro le fratture oss…

Terapia anti TNF: l'UE approva i…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aorta: rigidità misurata sulla punta di un dito

Nuova tecnica per misurare la rigidita’ dell’aorta, fattore di rischio comune per le patologie cardiache: si tratta di un semplice trasduttore da porre sul dito o sull’arteria brachiale che si trova all’interno del braccio appena sotto il gomito.


La lettura del dato raccolto dal dispositivo, in combinazione con l’eta’ e l’indice di massa corporea, permette di misurare l’eventuale irrigidimento dell’aorta. Attualmente lo stesso risultato si ottiene registrando l’impulso della carotide situata sul collo e della femorale che si trova sull’inguine.aortaIl metodo sviluppato da Gary Pierce dell’Universita’ dell’Iowa e’ piu’ rapido e facile da utilizzare e raccoglie l’impulso dal dito o dal braccio in modo quasi altrettanto accurato, funzionando addirittura meglio nei pazienti obesi, il cui polso femorale puo’ essere difficile da rilevare in maniera affidabile. La tecnica e’ stata descritta sull’American Journal of Physiology – Heart and Circulatory Physiology .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi