Cellule staminali per traumi e l…

Nuove protesi personalizz…

Dal direttore dell’AIFA parole i…

“Non si può che concordar…

Esposizione a ormoni androgeni e…

[caption id="attachment_1…

La risposta sessuale umana agli …

Un numero crescente di da…

Autismo: al via il progetto pedi…

Prende il via, a Vicenza,…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

"La Salute non conosce confini"

Campagna d’Informazione e…

Sanita': 'Save the Skin', asta o…

Si chiama "Save the Skin"…

Tumore al polmone: la Global Lun…

‘Lung Cancer: We’r…

Lesioni del midollo: cellule sta…

I neuroni ottenuti da sta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aorta: rigidità misurata sulla punta di un dito

Nuova tecnica per misurare la rigidita’ dell’aorta, fattore di rischio comune per le patologie cardiache: si tratta di un semplice trasduttore da porre sul dito o sull’arteria brachiale che si trova all’interno del braccio appena sotto il gomito.


La lettura del dato raccolto dal dispositivo, in combinazione con l’eta’ e l’indice di massa corporea, permette di misurare l’eventuale irrigidimento dell’aorta. Attualmente lo stesso risultato si ottiene registrando l’impulso della carotide situata sul collo e della femorale che si trova sull’inguine.aortaIl metodo sviluppato da Gary Pierce dell’Universita’ dell’Iowa e’ piu’ rapido e facile da utilizzare e raccoglie l’impulso dal dito o dal braccio in modo quasi altrettanto accurato, funzionando addirittura meglio nei pazienti obesi, il cui polso femorale puo’ essere difficile da rilevare in maniera affidabile. La tecnica e’ stata descritta sull’American Journal of Physiology – Heart and Circulatory Physiology .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x