Sclerosi multipla: nuovo test pe…

[caption id="attachment_7…

Legge 40/2004 A 10 anni quale si…

[caption id="attachment_1…

Tumori al cervello: negli USA un…

Gli scienziati della Harv…

Studio mette in rilievo affinità…

Chi si somiglia si piglia…

Disturbi comportamentali "da Bis…

Il bisfenolo A ha causato…

Nausee in gravidanza: la soluzio…

E' uno dei fastidi piu' …

Cuore: con gli innesti biodegrad…

Un innesto per arterie co…

Cellule ingegnerizzate: nuove te…

Per la prima volta in Ita…

Melanoma o vitiligine: quello ch…

Chi ha gli occhi azzurri …

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aorta: rigidità misurata sulla punta di un dito

Nuova tecnica per misurare la rigidita’ dell’aorta, fattore di rischio comune per le patologie cardiache: si tratta di un semplice trasduttore da porre sul dito o sull’arteria brachiale che si trova all’interno del braccio appena sotto il gomito.


La lettura del dato raccolto dal dispositivo, in combinazione con l’eta’ e l’indice di massa corporea, permette di misurare l’eventuale irrigidimento dell’aorta. Attualmente lo stesso risultato si ottiene registrando l’impulso della carotide situata sul collo e della femorale che si trova sull’inguine.aortaIl metodo sviluppato da Gary Pierce dell’Universita’ dell’Iowa e’ piu’ rapido e facile da utilizzare e raccoglie l’impulso dal dito o dal braccio in modo quasi altrettanto accurato, funzionando addirittura meglio nei pazienti obesi, il cui polso femorale puo’ essere difficile da rilevare in maniera affidabile. La tecnica e’ stata descritta sull’American Journal of Physiology – Heart and Circulatory Physiology .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi