Nasce l’Italian Wellness Allianc…

Istituzioni e Clinici s…

Cancro polmonare: individuati tr…

Identificati tre sottogru…

Cocaina e danni al cervello: qua…

Alla base dei danni c…

Sclerodermia: innovativo trattam…

[caption id="attachment_7…

Connessione tra salute cardiovas…

Le persone che hanno una …

Salute, 17 milioni di italiani s…

In Italia cresce il numer…

Mammografia in 3D: diagnosi tumo…

Una nuova tecnica di mamm…

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Approvato il denosumab, il rivol…

E’ la prima autorizzazi…

Fecondazione Eterologa: Raggiunt…

“Adesso è ufficiale. Sono…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Resveratrolo, e l’efficacia contro malattie neurodegenerative, e huntington

Un composto polifenolico, come il noto componente presente nella buccia dell’uva e nel vino rosso, ha mostrato effetti neuroprotettivi in grado di agire efficacemente nei disturbi che interessano il cervello come la demenza vascolare, l’ischemia cerebrale, le malattie di Huntington, Parkinson e Alzheimer.

Un team di ricercatori della Zhengzhou University, in Cina, ha condotto uno studio in cui si dimostra come il resveratrolo, un polifenolo presente nella buccia d’uva e nel vino rosso, svolga un’azione protettiva a livello neurologico, con effetti benefici in modelli di diverse malattie quali la demenza vascolare, la malattia di Huntington, la malattia di Parkinson, la malattia di Alzheimer e anche l’ischemia cerebrale.

Il dottor Boai Zhang e colleghi hanno eseguito una serie di esperimenti su modello animale, trovando che il resveratrolo migliorava le capacità di apprendimento e la memoria in un gruppo di topi affetti da demenza vascolare. Oltre a questo, il polifenolo ha mostrato di diminuire i livelli di malondialdeide (o malonildialdeide, MDA), promuovere una maggiore attività della superossido dismutasi e livelli di glutatione nell’ippocampo e nella corteccia cerebrale.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Neural Regeneration Research, e supportano l’idea che il resveratrolo possa migliorare non solo le capacità di apprendimento e la memoria, ma abbia un ruolo nella riduzione dello stress ossidativo, tra le cause della demenza vascolare.

I ricercatori ritengono che questi risultati siano importanti e forniscano una base sperimentale – oltre alla prova teorica – per l’uso clinico del resveratrolo nel trattamento della demenza vascolare.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!