Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

Gruppo Ictus Emiplegia Onlus, la…

Tra i servizi, una linea …

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Alzheimer: ansiolitici e sonnife…

L’uso di ansiolitici e so…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Stress e rischio infarto: i cape…

[caption id="attachment_9…

Dieta mediterranea: scudo anti-d…

La dieta mediterranea rid…

Magnetoterapia pulsata per ridur…

MILANO - I calciatori son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un disordine dell’orecchio potrebbe portare al disturbo dell’iperattività

Disordini dell’orecchio interno potrebbero causare iperattivita’. Di solito, gli scienziati ritengono che le anomalie comportamentali abbiano la loro origine nel cervello.


Ora, un nuovo studio dell’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University ha scoperto che una disfunzione dell’orecchio interno potrebbe causare direttamente dei cambi neurologici che aumentano l’iperattivita’. Lo studio, condotto nei topi, ha rivelato il coinvolgimento di due proteine del cervello in questo processo, fornendo quindi indicazioni per eventuali target di intervento farmacologico.    Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Science. In particolare, gli scienziati hanno scoperto che i problemi dell’orecchio interno dei topi legati all’iperattivita’ erano dovuti a una mutazione del gene chiamato Slc12a2, che media il trasporto di sodio, potassio e cloro in vari tessuti, inclusi l’orecchio interno e il sistema nervoso centrale. Si tratta di un gene che si trova anche nell’uomo.

I ricercatori hanno ipotizzato che la disfunzione nell’orecchio interno legata alla mutazione del gene potrebbe portare a un anomalo funzionamento dello striatum, area del cervello che controlla il movimento.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!