Collagene addio: con muscolo del…

Addio collagene e simili?…

Latte materno: contiene cellule …

Identificate già da tempo…

Sclerosi multipla: se scarseggia…

Identificato un mecca…

Papillomavirus: il rischio di co…

Il 50% degli uomini p…

Nella bile il segreto della long…

[caption id="attachment_9…

Ictus: isolata una mutazione gen…

Una variante genetica che…

Stimolazione cerebrale profonda …

Pubblicati sul New Englan…

All’Istituto San Carlo open day…

Busto Arsizio (VA), maggi…

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Le cellule del corpo umano: come…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiologia: anomalie nei mitocondri dietro difetti congeniti del cuore

Identificati possibili responsabili nelle malattie cardiache congenite. I mitocondri sono le centrali energetiche delle cellule che producono combustibile chimico in modo che una cellula possa eseguire i suoi vari compiti.


Ora, come si legge sulla rivista Science Express, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e dell’Universita’ di Padova- Istituto Telethon Dulbecco hanno mostrato che i mitocondri orchestrano anche gli eventi che determinano il futuro della cellula, almeno nel cuore di un topo in fase embrionale. Il nuovo studio ha individuato nuovi potenziali colpevoli genetici nelle origini di alcuni difetti cardiaci congeniti.
mitocondrio

mitocondrio

“Finora – ha spiegato Gerald W. Dorn II, fra gli autori dello studio – si riteneva che lo sviluppo degli organi fosse gestito dal nucleo di una cellula. Ora abbiamo mostrato che i mitocondri possono dirigere lo sviluppo del tessuto durante la fase embrionale”.
In uno sviluppo normale, i mitocondri si fondono insieme attraverso proteine sulla loro superficie, la Mfn1 e Mfn2.
Nella ricerca, gli scienziati hanno mostrato che la cancellazione di due geni nelle cellule muscolari in sviluppo dell’embrione di un topo porta a un cuore con pareti sottili come carta. Inoltre, le cellule staminali embrionali che perdono i geni Mfn2 e Opa1, un gene con ruolo simile, potrebbero non svilupparsi in cellule cardiache che riescono a battere.

In questo studio e’ stata usata una tecnica di coltura tissutale che gli scienziati hanno definito come “cuore in provetta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: