L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiologia: anomalie nei mitocondri dietro difetti congeniti del cuore

Identificati possibili responsabili nelle malattie cardiache congenite. I mitocondri sono le centrali energetiche delle cellule che producono combustibile chimico in modo che una cellula possa eseguire i suoi vari compiti.


Ora, come si legge sulla rivista Science Express, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e dell’Universita’ di Padova- Istituto Telethon Dulbecco hanno mostrato che i mitocondri orchestrano anche gli eventi che determinano il futuro della cellula, almeno nel cuore di un topo in fase embrionale. Il nuovo studio ha individuato nuovi potenziali colpevoli genetici nelle origini di alcuni difetti cardiaci congeniti.
mitocondrio

mitocondrio

“Finora – ha spiegato Gerald W. Dorn II, fra gli autori dello studio – si riteneva che lo sviluppo degli organi fosse gestito dal nucleo di una cellula. Ora abbiamo mostrato che i mitocondri possono dirigere lo sviluppo del tessuto durante la fase embrionale”.
In uno sviluppo normale, i mitocondri si fondono insieme attraverso proteine sulla loro superficie, la Mfn1 e Mfn2.
Nella ricerca, gli scienziati hanno mostrato che la cancellazione di due geni nelle cellule muscolari in sviluppo dell’embrione di un topo porta a un cuore con pareti sottili come carta. Inoltre, le cellule staminali embrionali che perdono i geni Mfn2 e Opa1, un gene con ruolo simile, potrebbero non svilupparsi in cellule cardiache che riescono a battere.

In questo studio e’ stata usata una tecnica di coltura tissutale che gli scienziati hanno definito come “cuore in provetta”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!