Ictus: sintomi non riconosciuti …

[caption id="attachment_7…

Molecole per fermare i prioni

Nuovi polimeri auto-illum…

Diabete neonatale: causa debolez…

[caption id="attachment_8…

Il metodo della riabilitazione p…

L’innovativo approccio ri…

Vaccino HPV: valido, ma non abba…

Dopo essersi sottoposte a…

Memorie magnetiche: un nuovo mec…

Un nuovo meccanismo capac…

Tumore rettale: primo intervento…

Londra, 30 nov. - Un pazi…

Un nuovo test per diagnosticare …

[caption id="attachme…

Calo di livelli di testosterone:…

"Mi sento piu' stanco, di…

La vitamina C efficace se si ass…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiologia: anomalie nei mitocondri dietro difetti congeniti del cuore

Identificati possibili responsabili nelle malattie cardiache congenite. I mitocondri sono le centrali energetiche delle cellule che producono combustibile chimico in modo che una cellula possa eseguire i suoi vari compiti.


Ora, come si legge sulla rivista Science Express, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e dell’Universita’ di Padova- Istituto Telethon Dulbecco hanno mostrato che i mitocondri orchestrano anche gli eventi che determinano il futuro della cellula, almeno nel cuore di un topo in fase embrionale. Il nuovo studio ha individuato nuovi potenziali colpevoli genetici nelle origini di alcuni difetti cardiaci congeniti.
mitocondrio

mitocondrio

“Finora – ha spiegato Gerald W. Dorn II, fra gli autori dello studio – si riteneva che lo sviluppo degli organi fosse gestito dal nucleo di una cellula. Ora abbiamo mostrato che i mitocondri possono dirigere lo sviluppo del tessuto durante la fase embrionale”.
In uno sviluppo normale, i mitocondri si fondono insieme attraverso proteine sulla loro superficie, la Mfn1 e Mfn2.
Nella ricerca, gli scienziati hanno mostrato che la cancellazione di due geni nelle cellule muscolari in sviluppo dell’embrione di un topo porta a un cuore con pareti sottili come carta. Inoltre, le cellule staminali embrionali che perdono i geni Mfn2 e Opa1, un gene con ruolo simile, potrebbero non svilupparsi in cellule cardiache che riescono a battere.

In questo studio e’ stata usata una tecnica di coltura tissutale che gli scienziati hanno definito come “cuore in provetta”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x