Assogenerici: a un tavolo sull’i…

AssoGenerici condivide …

ARISLA: interfaccia cervello-com…

Accendere e spegnere la l…

Vasi sanguigni stampati in 3D, p…

I primi prototipi sono gi…

Approvata in Europa la monosomm…

● La prevenzione delle ri…

Cancro al seno: in arrivo terapi…

Il prof. Cognetti: cosi' …

Cancro ai polmoni: confutata la …

Esiste una connessio…

Sui quotidiani la pubblicità di …

Roma, 24 maggio 2013 - “E…

Epatite C: epidemia che riguarda…

Epatite C. Un’epidemia «s…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Il farmaco etico è riservato all…

Le conclusioni dell’Avvoc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: cure farmacologiche efficaci se seguite ed eseguite bene

Dopo un attacco di cuore i farmaci preventivi che vengono prescritti, dalle statine ai beta bloccanti, devono essere presi tutti e seguendo le indicazioni del medico, altrimenti si perde il loro effetto.


Lo afferma uno studio pubblicato dall’American Heart Journal del Brigham and Women’s Hospital di Boston. I ricercatori hanno confrontato un gruppo di pazienti che pagavano per le medicine con uno di persone a cui venivano date gratis, scoprendo che questi ultimi erano quelli che seguivano piu’ strettamente le terapie prescritte.   Dividendo i pazienti secondo l’aderenza alle prescrizioni e’ emerso che chi segue le indicazioni ha una probabilita’ inferiore del 23 per cento degli altri di avere un nuovo ricovero legato a cause cardiache. “Ci sono molti motivi per cui le persone non seguono le terapie, dal costo agli effetti collaterali -scrivono gli autori – ma dovrebbero farlo, perche’ un’aderenza parziale mina l’efficacia di tutta la terapia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi