Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: cure farmacologiche efficaci se seguite ed eseguite bene

Dopo un attacco di cuore i farmaci preventivi che vengono prescritti, dalle statine ai beta bloccanti, devono essere presi tutti e seguendo le indicazioni del medico, altrimenti si perde il loro effetto.


Lo afferma uno studio pubblicato dall’American Heart Journal del Brigham and Women’s Hospital di Boston. I ricercatori hanno confrontato un gruppo di pazienti che pagavano per le medicine con uno di persone a cui venivano date gratis, scoprendo che questi ultimi erano quelli che seguivano piu’ strettamente le terapie prescritte.   Dividendo i pazienti secondo l’aderenza alle prescrizioni e’ emerso che chi segue le indicazioni ha una probabilita’ inferiore del 23 per cento degli altri di avere un nuovo ricovero legato a cause cardiache. “Ci sono molti motivi per cui le persone non seguono le terapie, dal costo agli effetti collaterali -scrivono gli autori – ma dovrebbero farlo, perche’ un’aderenza parziale mina l’efficacia di tutta la terapia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: