Cancro: scoperta dinamica di un …

La ricerca sul cancro si …

Alzheimer: scoperto un legame co…

Nuovi passi avanti nella …

Da Nord a Sud tutti i volontari …

Roma, 28 ottobre 2016. I …

Mappatura del genoma di una cell…

Introducendo una fase di …

Linagliptin approvato in Europa …

 Linagliptin è l’unico tr…

Asma: anche in Italia inizio tes…

Sono iniziati anche in Eu…

Cefalee e sale: dimezzandone il …

Dimezzandone il consumo è…

Eroina: sale il consumo, in mani…

Boom del consumo di eroin…

Sclerosi multipla: nato centro s…

Oltre al crescente intere…

Fecondazione eterologa: Vademecu…

ROMA, 30 maggio 2014 – In…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore: intervenire l’ipossia per fermare la crescita delle cellule cancerose

Un team di ricercatori della Johns Hopkins University ha scoperto che l’ipossia – ridotto apporto di ossigeno che spesso persiste all’interno dei tumori – e’ sufficiente a innescare una catena molecolare di eventi che trasforma le cellule del cancro al seno da stazionarie e rigide a mobili e invasive.


La ricerca, pubblicata on line su ‘Pnas’, sottolinea l’importanza dei fattori che attivano l’ipossia nella promozione delle metastasi del tumore alla mammella. cancer_researchL’indagine ha scoperto che la produzione di due proteine – note per peggiorare gli esiti del cancro al seno – aumenta drammaticamente quando le cellule tumorali sono esposte a condizioni di carenza di ossigeno. L’ipossia incrementa i livelli della RhoA e della ROCK1. Intervenendo geneticamente in laboratorio per bloccare i fattori che promuovono il deficit di ossigeno il team e’ riuscito a ridurre la mobilita’ e l’aggressivita’ delle cellule del cancro.

I dati della ricerca hanno rivelato anche che le donne con alti livelli di entrambe le proteine hanno molte piu’ probabilita’ di morire di cancro al seno rispetto a quelle con bassi livelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: