Parkinson e patologie neurologic…

Malattia di Parkinson: …

Le sorprese del primo genoma di …

[caption id="attachment_7…

Ictus e Fibrillazione Atriale: “…

Ritorna, per il quarto an…

Mutazione genetica determina dol…

Dolore neuropatico, c'è u…

Mal di schiena: almeno una volta…

L’11 ottobre si svolgerà,…

Test diagnosi diabete gestaziona…

[caption id="attachme…

Sclerosi Multipla: sospetto mico…

Se i dati saranno conferm…

Individuate le aree del genoma c…

Un nuovo studio geno…

Nevralgie del trigemino al Forla…

[caption id="attachment_1…

Mucopolisaccaridosi: vicini ad u…

[caption id="attachment_2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore: intervenire l’ipossia per fermare la crescita delle cellule cancerose

Un team di ricercatori della Johns Hopkins University ha scoperto che l’ipossia – ridotto apporto di ossigeno che spesso persiste all’interno dei tumori – e’ sufficiente a innescare una catena molecolare di eventi che trasforma le cellule del cancro al seno da stazionarie e rigide a mobili e invasive.


La ricerca, pubblicata on line su ‘Pnas’, sottolinea l’importanza dei fattori che attivano l’ipossia nella promozione delle metastasi del tumore alla mammella. cancer_researchL’indagine ha scoperto che la produzione di due proteine – note per peggiorare gli esiti del cancro al seno – aumenta drammaticamente quando le cellule tumorali sono esposte a condizioni di carenza di ossigeno. L’ipossia incrementa i livelli della RhoA e della ROCK1. Intervenendo geneticamente in laboratorio per bloccare i fattori che promuovono il deficit di ossigeno il team e’ riuscito a ridurre la mobilita’ e l’aggressivita’ delle cellule del cancro.

I dati della ricerca hanno rivelato anche che le donne con alti livelli di entrambe le proteine hanno molte piu’ probabilita’ di morire di cancro al seno rispetto a quelle con bassi livelli.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi