IL 7 MAGGIO TORNA LA GIORNATA NA…

Screening gratuiti in tut…

Bill Gates contro la malaria con…

[caption id="attachme…

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Malattie muscolo-scheletriche pe…

Le patologie di natura mu…

Legge 40 e diagnosi preimpianto:…

La Corte europea dei diri…

La dieta in gravidanza può influ…

Un nuovo studio mostra ch…

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

La Vitamina K, grande alleata de…

[caption id="attachment_3…

Costruire complesse strutture as…

Una nuova tecnica perme…

Neurologia sperimentale e Sclero…

Roma, 26maggio 2014 – In …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Atrofia cerebrale: scoperta una variante genetica implicata nella degenerazione

Identificata una variante genetica nelle persone affette da decadimento cognitivo lieve associata a tassi accelerati di atrofia cerebrale da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Radiology.


La ricerca si e’ concentrata sul gene apolipoproteina E (APOE), il fattore genetico noto piu’ importante per la forma non familiare del morbo di Alzheimer. Dalle osservazioni e’ emerso che i portatori del poco comune allele E’4 esibiscono tassi significativamente maggiori di atrofia rispetto ai portatori dell’allele E’3, variante diffusa e considerata neutrale rispetto al rischio di Alzheimer. L’E’4 accelererebbe il declino, favorendo l’atrofia veloce. Differenze che sono state rilevate in tredici delle quindici regioni cerebrali considerate e coinvolte nelle interruzioni delle reti cognitive caratteristiche del morbo. La ricerca e’ stata condotta da Jeffrey R. Petrella della Duke University School of Medicine.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x