Autismo: imparare a 'leggere' i …

[caption id="attachment_6…

Microchirurgia innovativa per st…

[caption id="attachment_7…

Antidolorifico non oppiaceo estr…

La rivista Nature Chemist…

Il ruolo dell'amigdala come 'cen…

I ricercatori dell’Univ…

Staminali del cancro scoperte: a…

Domani, nel giorno della …

Turismo odontoiatrico: creato un…

Stop al turismo odontoiat…

Salute Giovani: Sedentari 9 Su 1…

Contro La Disinformazione…

Distrofia muscolare di Duchenne:…

[caption id="attachment_7…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Atrofia cerebrale: scoperta una variante genetica implicata nella degenerazione

Identificata una variante genetica nelle persone affette da decadimento cognitivo lieve associata a tassi accelerati di atrofia cerebrale da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Radiology.


La ricerca si e’ concentrata sul gene apolipoproteina E (APOE), il fattore genetico noto piu’ importante per la forma non familiare del morbo di Alzheimer. Dalle osservazioni e’ emerso che i portatori del poco comune allele E’4 esibiscono tassi significativamente maggiori di atrofia rispetto ai portatori dell’allele E’3, variante diffusa e considerata neutrale rispetto al rischio di Alzheimer. L’E’4 accelererebbe il declino, favorendo l’atrofia veloce. Differenze che sono state rilevate in tredici delle quindici regioni cerebrali considerate e coinvolte nelle interruzioni delle reti cognitive caratteristiche del morbo. La ricerca e’ stata condotta da Jeffrey R. Petrella della Duke University School of Medicine.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi