Meningococco B: arriva in Italia…

Anche i bambini italiani …

Differenza intraspecifica non so…

[caption id="attachment_6…

Vitamina C e beta-carotene per c…

Possono la vitamina C e i…

Nasce il Network GPS Genitori, P…

A breve sarà disponibil…

La "Molecola Trofeo" potrebbe ri…

Alcuni ricercatori hanno …

Tessuti cerebrali contenenti ri…

[caption id="attachment…

Infezioni batteriche: chiarito i…

Gli studi sono ora dirett…

Sindrome di Prader Wi: individua…

Un team di scienziati del…

Immunoterapia: l'AIFA espande l'…

Si allarga la schiera di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Atrofia cerebrale: scoperta una variante genetica implicata nella degenerazione

Identificata una variante genetica nelle persone affette da decadimento cognitivo lieve associata a tassi accelerati di atrofia cerebrale da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Radiology.


La ricerca si e’ concentrata sul gene apolipoproteina E (APOE), il fattore genetico noto piu’ importante per la forma non familiare del morbo di Alzheimer. Dalle osservazioni e’ emerso che i portatori del poco comune allele E’4 esibiscono tassi significativamente maggiori di atrofia rispetto ai portatori dell’allele E’3, variante diffusa e considerata neutrale rispetto al rischio di Alzheimer. L’E’4 accelererebbe il declino, favorendo l’atrofia veloce. Differenze che sono state rilevate in tredici delle quindici regioni cerebrali considerate e coinvolte nelle interruzioni delle reti cognitive caratteristiche del morbo. La ricerca e’ stata condotta da Jeffrey R. Petrella della Duke University School of Medicine.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi