Endometriosi: nuova terapia cont…

Otto volte su 10 hann…

Bambini stranieri nelle scuole i…

La Società Italiana di Pe…

Infarto: diversa percezione del …

[caption id="attachme…

In sperimentazione la pillola 'r…

[caption id="attachment_…

Presso il Policlinico Ponte San …

Trattamento “high tech” p…

Iodio in gravidanza: carenza di …

Un minore quoziente i…

Indice glicemico e rischio patol…

[caption id="attachment_7…

Ricetta elettronica: solo cinque…

Solo Sicilia, Valle d'Aos…

Nobel per la medicina 2017 ai ri…

Il Nobel per la medicina …

Urologi: allarme fumo, prima cau…

Il fumo non aumenta solo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Atrofia cerebrale: scoperta una variante genetica implicata nella degenerazione

Identificata una variante genetica nelle persone affette da decadimento cognitivo lieve associata a tassi accelerati di atrofia cerebrale da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Radiology.


La ricerca si e’ concentrata sul gene apolipoproteina E (APOE), il fattore genetico noto piu’ importante per la forma non familiare del morbo di Alzheimer. Dalle osservazioni e’ emerso che i portatori del poco comune allele E’4 esibiscono tassi significativamente maggiori di atrofia rispetto ai portatori dell’allele E’3, variante diffusa e considerata neutrale rispetto al rischio di Alzheimer. L’E’4 accelererebbe il declino, favorendo l’atrofia veloce. Differenze che sono state rilevate in tredici delle quindici regioni cerebrali considerate e coinvolte nelle interruzioni delle reti cognitive caratteristiche del morbo. La ricerca e’ stata condotta da Jeffrey R. Petrella della Duke University School of Medicine.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x