Cellule staminali della mucosa o…

A differenza di tutte le …

"Gennaio astemio", e calano peso…

Un 'gennaio astemio', oss…

Turismo odontoiatrico: creato un…

Stop al turismo odontoiat…

Scoperta dell'Università degli S…

L’Enterovirus ha recentem…

Una dieta candidata anti-tumore

Le conclusioni dello stud…

Ipertensione: un pacemaker cereb…

Nei casi di ipertensione …

Epilessia e Corea di Huntington:…

Che cosa lega due malatti…

Il premio Nobel James Watson: "N…

Nel suo studio lo scienzi…

Batteri: a casa ognuno ha i suoi…

La casa è una 'culla' di …

Osteoporosi: il pieno di vitamin…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Carcinoma: descritti nuovi geni legati all’insorgenza

Un gruppo di scienziati dell’Howard Hughes Medical Institute di New York ha portato alla luce diversi geni, non precedentemente legati allo sviluppo del tumore, che hanno mostrato di predisporre i topi al cancro.


La ricerca, pubblicata sull’ultimo numero della rivista Science, potrebbe aiutare i ricercatori a migliorare le terapie anti-tumorali.p53 Per capire quali alterazioni genetiche partecipano attivamente alla progressione di un tumore, Daniel Schramek e colleghi hanno usato la strategia dell”RNAi in vivo’ per spegnere quei geni ritenuti capaci di rilanciare lo sviluppo del carcinoma a cellule squamose, il sesto cancro umano piu’ comune al mondo. Gli studiosi hanno scoperto sette geni che non erano mai stati collegati prima d’ora allo sviluppo del tumore.

Uno di questi e’ il gene stato miosina-IIa la cui carenza altera la stabilita’ del p53, un noto gene onco-soppressore. Conoscere il ruolo della miosina-IIa nella crescita del tumore potrebbe fornire nuove strade per la diagnosi del cancro e per le terapie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi