Alitair ottiene da Edmond Pharma…

La molecola, già registra…

Tumore del fegato: un bersaglio …

Lo studio identifica nell…

Le aziende del farmaco equivalen…

Roma, 27 aprile 2015 - As…

Cancro: un software per aiutare …

[caption id="attachment_…

Il cervello umano e i geni 'tagl…

[caption id="attachme…

Cellule renali ottenute da stami…

L'Institute of Bioenginee…

Gambe in forma: open day vascola…

Busto Arsizio (VA), april…

TAC: radiazioni di gran lunga pi…

Washington, 15 dic. - Le …

Un meccanismo chiave della diffe…

Scoperta una proteina che…

Ischemia cerebrale: studio itali…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allenamento serale: non compromette la qualità del sonno

Esercitarsi vigorosamente durante le ore serali non danneggia la qualita’ del sonno degli atleti, secondo un nuovo studio della University of Western Australia pubblicato sullo European Journal of Sport Science.


La ricerca ha dimostrato che l’allenamento ad alta intensita’ in prima serata non ha alcun impatto significativo sulla qualita’ e la quantita’ del sonno dei giovani calciatori.  Nemmeno l’immersione in acqua fredda, un metodo comunemente usato dagli atleti dopo l’allenamento per diminuire rapidamente la temperature corporea che potrebbe essere risalita durante gli esercizi, sembra influenzare la capacita’ di farsi una sana dormita.

Utilizzando l’actigrafia del polso su un gruppo di dodici calciatori di sesso maschile durante le notti successive ai training serali e, considerando fattori come orario della sveglia e della messa a letto, durata del sonno e quantita’ di tempo impiegata per andare a letto, la ricerca ha dimostrato che l’allenamento dopo il tramonto del Sole non riduce durata e qualita’ del sonno.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!