Verso un test delle urine per st…

[caption id="attachment_7…

HIV: 14 basi in meno in una spec…

[caption id="attachme…

Menisco: non necessaria chirurgi…

La chirurgia non e' una …

Telethon: scoperto nuovo gene as…

Identificato il gene resp…

Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

Da cellule adulte a staminali: c…

[caption id="attachment_6…

Malattia di Huntington: individu…

[caption id="attachme…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Prosegue il dibattito sulle tema…

All’XI International Bien…

Remunerazione delle farmacie: la…

Roma, 16 gennaio 2013 – “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allenamento serale: non compromette la qualità del sonno

Esercitarsi vigorosamente durante le ore serali non danneggia la qualita’ del sonno degli atleti, secondo un nuovo studio della University of Western Australia pubblicato sullo European Journal of Sport Science.


La ricerca ha dimostrato che l’allenamento ad alta intensita’ in prima serata non ha alcun impatto significativo sulla qualita’ e la quantita’ del sonno dei giovani calciatori.  Nemmeno l’immersione in acqua fredda, un metodo comunemente usato dagli atleti dopo l’allenamento per diminuire rapidamente la temperature corporea che potrebbe essere risalita durante gli esercizi, sembra influenzare la capacita’ di farsi una sana dormita.

Utilizzando l’actigrafia del polso su un gruppo di dodici calciatori di sesso maschile durante le notti successive ai training serali e, considerando fattori come orario della sveglia e della messa a letto, durata del sonno e quantita’ di tempo impiegata per andare a letto, la ricerca ha dimostrato che l’allenamento dopo il tramonto del Sole non riduce durata e qualita’ del sonno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi