Leucemia: innumerevoli mutazioni…

Centinaia di mutazioni si…

Alzheimer: ricerca preliminare d…

Il litio, una sostanza co…

Tubercolosi: vaccino funziona su…

Un nuovo vaccino che comb…

PSA e tumore alla prostata: occh…

Ogni anno in Italia si re…

Giovani malati di cancro: nuove …

Un progetto dell’UE ha co…

Per le malattie coronariche pros…

Nei pazienti colpiti da i…

Il ruolo dell'ossitocina nel rap…

Il neurotrasmettitore oss…

Link, il “collegamento” tra medi…

Unità Operativa Complessa…

La sorpresa di Pasqua non può es…

Roma, 30 marzo 2015 - - “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allenamento serale: non compromette la qualità del sonno

Esercitarsi vigorosamente durante le ore serali non danneggia la qualita’ del sonno degli atleti, secondo un nuovo studio della University of Western Australia pubblicato sullo European Journal of Sport Science.


La ricerca ha dimostrato che l’allenamento ad alta intensita’ in prima serata non ha alcun impatto significativo sulla qualita’ e la quantita’ del sonno dei giovani calciatori.  Nemmeno l’immersione in acqua fredda, un metodo comunemente usato dagli atleti dopo l’allenamento per diminuire rapidamente la temperature corporea che potrebbe essere risalita durante gli esercizi, sembra influenzare la capacita’ di farsi una sana dormita.

Utilizzando l’actigrafia del polso su un gruppo di dodici calciatori di sesso maschile durante le notti successive ai training serali e, considerando fattori come orario della sveglia e della messa a letto, durata del sonno e quantita’ di tempo impiegata per andare a letto, la ricerca ha dimostrato che l’allenamento dopo il tramonto del Sole non riduce durata e qualita’ del sonno.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x