Congresso sindacale Fimp: il per…

Roma, 16 Aprile - Parteci…

Fatti vedere gli occhi!

Ottobre è il mese del…

Infarto: sogno quasi realizzato,…

Potrebbe mancare al massi…

Un nuovo nuovo laser risolve def…

Unità Operativa di Urolog…

Retinoblastoma: un nuovo protoco…

Raro ma aggressivo, quest…

Vaccino contro la leucemia: deci…

Scienziati britannici han…

Massa grassa: importante durante…

[caption id="attachme…

L'area cerebrale deputata al ric…

Nel nostro cervello c'è…

Osteosarcoma: ricerca per impedi…

Roma, 2 dic - Bloccare il…

Asma: un quarto degli attacchi p…

Il 25 per cento degli att…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: non sono le cellule cerebrali responsabili dei sintomi

Un gruppo di ricercatori della Hebrew University di Gerusalemme ha scoperto un nuovo meccanismo responsabile della depressione, che secondo l’Oms e’ la principale causa di disabilita’ a livello mondiale, colpevole di piu’ anni di disabilita’ di cancro, Hiv e malattie cardiovascolari e respiratorie messe insieme.


Alla base dei sintomi depressivi causati da esposizione a stress cronico ci sarebbero cambiamenti in un tipo di cellule del cervello non neuronali, chiamati ‘microglia’. Nonostante i tanti progressi compiuti negli anni recenti, gli scienziati non hanno ancora capito con chiarezza i meccanismi biologici dietro questo disordine e non sono ancora riusciti a sviluppare efficaci strategie di prevenzione e terapia.  Ora, nel nuovo studio pubblicato su Molecular Psychiatry, i ricercatori hanno mostrato che alla base dei sintomi depressivi causati da esposizione a stress cronico ci sono cambiamenti in un tipo di cellule del cervello non neuronali, chiamati ‘microglia’. Negli esperimenti condotti con gli animali, i ricercatori sono stati in grado di mostrare che alcuni composti che alterano il funzionamento delle cellule microgliali potrebbero essere usati come nuovi farmaci antidepressivi ad alta efficacia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi