Presbiopia e cataratta. Arriva l…

[caption id="attachment_7…

Interferone per curare l'asma

[caption id="attachment_8…

Sclerosi Multipla: studiata fin'…

Un nuovo studio afferma c…

L'elettrone compie 120 anni!

La teoria dell'elettrone …

Uno studio sulle cellule stamina…

[caption id="attachment_7…

Politiche anti-fumo salveranno 7…

Le misure di controll…

Tumori al seno: test genetico, t…

[caption id="attachment_7…

Allarme depressione: riguarda un…

[caption id="attachment_9…

Staminali: trattamento sperimen…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Schizofrenia: la fondata efficacia degli antipsicotici

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista ‘Science’ potrebbe aiutare a spiegare perche’ i farmaci antipsicotici utilizzati nel trattamento della schizofrenia e altri disturbi sono solo parzialmente efficaci in un primo momento, e diventano pienamente efficaci dopo poche settimane.

Finora, era noto che l’aloperidolo, un antipsicotico prescritto per la schizofrenia, agiva principalmente su una molecola chiamata Akt. schizofreniaNel nuovo studio, Heather Bowling e colleghi della New York University Langone School of Medicine hanno utilizzato i neuroni in coltura e in vivo di alcuni topi per dimostrare che il trattamento con aloperidolo causava un aumento della produzione di proteine e cambiamenti nella morfologia dei neuroni. Si tratta di un processo che avviene quando l’Akt attiva la molecola mTorc1, che gioca un ruolo importante nella sintesi delle proteine.

Questo incremento nella produzione di proteine dopo il trattamento con aloperidolo viene accompagnato da un cambiamento di forma del neurone, a breve e lungo termine, che spiega i differenti effetti nel tempo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi