La FDA approva il primo farmaco …

La Food and Drug Administ…

Le cellule "assassine" che posso…

Grazie a una nuova ricerc…

Helicobacter: le sue implicazion…

Scoperto il coinvolgiment…

Fumo passivo: causa di complicaz…

L'esposizione al fumo pas…

Aspirina: messa a punto quella c…

Una nuova forma di aspiri…

[SIN] Entro il 2020, la depressi…

 “Trattare la Depressio…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Danni da fumo: 50 anni fa il pri…

Era l'11 gennaio 1964 qua…

Fumo: più a rischio tumori se si…

Fumare immediatamente…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Citochine: alti livelli predittivi di gravi sintomi

Un gruppo di studiosi del St. Jude Children’s Research Hospital (Usa) ha individuato alcuni fattori immunitari in grado di predire se l’influenza avra’ effetti molto gravi su un paziente.


In particolare, gli scienziati hanno identificato una sorta di “firma” della risposta immunitaria che contraddistingue quei pazienti che hanno le maggiori probabilita’ di sviluppare sintomi influenzali gravi e di rispondere male alle terapie.    La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Gli scienziati hanno tracciato e analizzato l’infezione influenzale in 84 individui per 28 giorni: il report si e’ concentrato sulle stagioni influenzali 2009-2010 e 2010-2011.

I pazienti con alti livelli di tre particolari tipi di citochine nelle prime fasi dell’infezione avevano piu’ probabilita’ di sviluppare sintomi influenzali gravi. I partecipanti allo studio avevano eta’ compresa fra 3 settimane di vita e 71 anni.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x