Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Frammenti del virus HPV contenut…

[caption id="attachment_6…

Oncofertilità nei centri pubblic…

Nella capitale l’avvi…

"Adulti e vaccinati" - Gli espe…

Censis: la polmonite an…

Il gene Notch: un terzo dei tumo…

MILANO - Si chiama Notch …

Test AIDS: scienziati del CER ne…

Due ricercatori finanziat…

Malattie Sessualmente Trasmissib…

Secondo una recente indag…

Il circuito cerebrale che ti def…

L'apprendimento e il rico…

I macachi, che solidarizzano nel…

La consolazione spontane…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Citochine: alti livelli predittivi di gravi sintomi

Un gruppo di studiosi del St. Jude Children’s Research Hospital (Usa) ha individuato alcuni fattori immunitari in grado di predire se l’influenza avra’ effetti molto gravi su un paziente.


In particolare, gli scienziati hanno identificato una sorta di “firma” della risposta immunitaria che contraddistingue quei pazienti che hanno le maggiori probabilita’ di sviluppare sintomi influenzali gravi e di rispondere male alle terapie.    La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Gli scienziati hanno tracciato e analizzato l’infezione influenzale in 84 individui per 28 giorni: il report si e’ concentrato sulle stagioni influenzali 2009-2010 e 2010-2011.

I pazienti con alti livelli di tre particolari tipi di citochine nelle prime fasi dell’infezione avevano piu’ probabilita’ di sviluppare sintomi influenzali gravi. I partecipanti allo studio avevano eta’ compresa fra 3 settimane di vita e 71 anni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi