Il consumo di prugne secche nell…

I risultati di uno studio…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Nei prossimi cinque anni più del…

Secondo gli esperti, nei …

Studio conferma la possibilita' …

Alcuni ricercatori tedesc…

Cancro alla prostata: un test ge…

Un nuovo test genetico …

Demenza: diversi tipi, diverse t…

Riuscire a differenziare …

Un gene che modifica le cellule …

Ricercatori americani han…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: abbassare colesterolo e controllare la pressione sanguigna non eludono declino cognitivo

L’abbassamento intensivo del colesterolo e della pressione sanguigna nei pazienti piu’ anziani con diabete mellito di tipo 2 non riesce a ridurre il rischio di declino cognitivo collegato al disordine.


Sono questi i risultati di uno studio della Wake Forest School of Medicine pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine. In genere, i pazienti con diabete di tipo 2 sono a rischio declino cognitivo a causa del ridotto volume del cervello e dell’incremento delle lesioni nella materia bianca. Nel nuovo studio, che ha coinvolto 2977 volontari, non sono state riscontrate differenze significative nelle funzioni cognitive in seguito a interventi intensivi di abbassamento della pressione sanguigna oppure a causa del trattamento con fibrati nei pazienti il cui colesterolo era trattato con le statine.
Gli autori suggeriscono che queste terapia sono benefiche nel caso di altre condizioni, come ictus o malattie coronariche ma non hanno effetti significativi sul declino cognitivo senile legato al diabete di tipo 2

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!