Ustekinumab: nuovi risultati di …

I benefici di ustekinumab…

Nuova tecnica per riconoscere gl…

[caption id="attachment_1…

Cancro all'esofago: messi in dub…

[caption id="attachment_5…

Sclerosi Multipla: l'efficacia d…

Il farmaco alemtuzumab e…

Epigenetica e longevita': sequen…

[caption id="attachment_8…

8° Congresso Nazionale Associazi…

· Aumento incidenza …

Un singolo gene responsabile del…

Un singolo gene potrebbe …

Lotta alle infezioni, premiata r…

La European Federation of…

Pressione del polso alta indica …

Le persone di mezza eta' …

Inoltrata domanda all’FDA per #r…

Una volta approvato, riva…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: abbassare colesterolo e controllare la pressione sanguigna non eludono declino cognitivo

L’abbassamento intensivo del colesterolo e della pressione sanguigna nei pazienti piu’ anziani con diabete mellito di tipo 2 non riesce a ridurre il rischio di declino cognitivo collegato al disordine.


Sono questi i risultati di uno studio della Wake Forest School of Medicine pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine. In genere, i pazienti con diabete di tipo 2 sono a rischio declino cognitivo a causa del ridotto volume del cervello e dell’incremento delle lesioni nella materia bianca. Nel nuovo studio, che ha coinvolto 2977 volontari, non sono state riscontrate differenze significative nelle funzioni cognitive in seguito a interventi intensivi di abbassamento della pressione sanguigna oppure a causa del trattamento con fibrati nei pazienti il cui colesterolo era trattato con le statine.
Gli autori suggeriscono che queste terapia sono benefiche nel caso di altre condizioni, come ictus o malattie coronariche ma non hanno effetti significativi sul declino cognitivo senile legato al diabete di tipo 2

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi