Neuroblastoma: un gene alterato …

L'alterazione di un gene,…

pazienti e cittadini ad impact 2…

In Europa 500 milioni di …

Distacco retina: non sottovaluta…

Se vedete sovente delle m…

Ossitocina e comportamento sessu…

Le femmine di topo mostra…

Lavoro notturno: e nel corpo si …

Il lavoro notturno getta …

Malattia cardiaca ricreata "in p…

Le cellule della pelle di…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Studio finanziato dall'UE dimost…

[caption id="attachment_1…

Medicina preventiva sulla base d…

[caption id="attachment_7…

Scoperti i geni che determinano …

Combinando assieme tecnic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: abbassare colesterolo e controllare la pressione sanguigna non eludono declino cognitivo

L’abbassamento intensivo del colesterolo e della pressione sanguigna nei pazienti piu’ anziani con diabete mellito di tipo 2 non riesce a ridurre il rischio di declino cognitivo collegato al disordine.


Sono questi i risultati di uno studio della Wake Forest School of Medicine pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine. In genere, i pazienti con diabete di tipo 2 sono a rischio declino cognitivo a causa del ridotto volume del cervello e dell’incremento delle lesioni nella materia bianca. Nel nuovo studio, che ha coinvolto 2977 volontari, non sono state riscontrate differenze significative nelle funzioni cognitive in seguito a interventi intensivi di abbassamento della pressione sanguigna oppure a causa del trattamento con fibrati nei pazienti il cui colesterolo era trattato con le statine.
Gli autori suggeriscono che queste terapia sono benefiche nel caso di altre condizioni, come ictus o malattie coronariche ma non hanno effetti significativi sul declino cognitivo senile legato al diabete di tipo 2

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi