Sclerosi Multipla e benefici del…

"E' anticostituzionale c…

Attacchi di cuore: un test del s…

[caption id="attachment_7…

Vitamina C: a scopo preventivo c…

Vitamina C contro il raff…

Da Forli' in avanti il tumore al…

[caption id="attachment_5…

Tricologi lanciano allarme perdi…

I film ci propongono sem…

La generosita' dell'amigdala

[caption id="attachme…

Epatite C: i due nuovi farmaci (…

Sono il boceprevir e il t…

La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Diatomee marine: il successo evo…

Nonostante la loro onnipr…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Legame tra cardiopatie e depressione

Secondo un nuovo report, i sintomi del disordine depressivo sono associati al rischio di malattie coronariche, mentre non c’e’ alcun legame causale con il rischio di ictus.


Sono queste le conclusioni a cui e’ giunto lo studio Whitehall II, condotto su oltre 10mila domestici nel Regno Unito. I risultati dell’indagine, condotta a partire dal 1985, sono stati pubblicati sull’European Journal of Preventive Cardiology. La ricerca si e’ svolta in un periodo di vent’anni e i risultati dei cicli di osservazione quinquennali hanno mostrato un effetto cumulativo dei sintomi depressivi sul rischio di ammalarsi di malattie coronariche.elettrocardio Tuttavia, non si e’ registrato nessun rischio aggiuntivo per quanto riguardava altre patologie come l’ictus. A quanto suggeriscono gli scienziati, i sintomi depressivi potrebbero essere un segno di ictus imminente ma non c’e’ nessuna relazione causale. La ricerca mostra che i sintomi depressivi possono essere una conseguenza di malattie vascolari, in caso di ictus, non una causa.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi