Una proteina nel latte materno s…

L’attività di una protein…

Vendita di farmaci etici on line…

Il Senatore del PDL Andre…

Carcinoma epatico fibrolamellare…

Un passo in avanti verso …

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Tumori e reflusso gastrico: casi…

L'obesita' potrebbe esser…

INAUGURATO CENTRO STUDI DI NEURO…

[caption id="attachme…

Dialisi: per allungare i tempi t…

Meno fosforo, latte,…

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Tumori: proteina aiuta cellule m…

[caption id="attachment_8…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: la voce della mamma in grado di migliorare le capacità cognitive del nascituro

Per i neonati prematuri ascoltare la voce della madre sin dalla terapia intensiva influisce significativamente sulle capacita’ cognitive e di linguaggio del piccolo gia’ dai sette mesi in poi.

Lo ha dimostrato il nuovo studio “Adult Talk in the Nicu (neonatal intensive care unit) with Preterm Infants and Developmental Outcomes” condotto da Betty Vohr, direttore del Women & Infants’ Neonatal Follow-Up Program.pregnancy I risultati della ricerca rivelano che il quantitativo di parole delle mamme al quale i bimbi in terapia intensiva sono esposti a partire dalle trentadue-trentasei settimane costituisce un forte fattore predittivo delle abilita’ cognitive e linguistiche del neonato fino a diciotto mesi. In particolare, ogni cento parole per ora in piu’ dalle trentadue settimane in poi e’ risultato associato a un aumento di due punti nelle capacita’ di linguaggio a un anno e mezzo.

Si tratta di una strategia per favorire il normale sviluppo dei neonati prematuri a basso costo da una prospettiva sanitaria e semplice da promuovere. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Pediatrics’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!