Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: la voce della mamma in grado di migliorare le capacità cognitive del nascituro

Per i neonati prematuri ascoltare la voce della madre sin dalla terapia intensiva influisce significativamente sulle capacita’ cognitive e di linguaggio del piccolo gia’ dai sette mesi in poi.

Lo ha dimostrato il nuovo studio “Adult Talk in the Nicu (neonatal intensive care unit) with Preterm Infants and Developmental Outcomes” condotto da Betty Vohr, direttore del Women & Infants’ Neonatal Follow-Up Program.pregnancy I risultati della ricerca rivelano che il quantitativo di parole delle mamme al quale i bimbi in terapia intensiva sono esposti a partire dalle trentadue-trentasei settimane costituisce un forte fattore predittivo delle abilita’ cognitive e linguistiche del neonato fino a diciotto mesi. In particolare, ogni cento parole per ora in piu’ dalle trentadue settimane in poi e’ risultato associato a un aumento di due punti nelle capacita’ di linguaggio a un anno e mezzo.

Si tratta di una strategia per favorire il normale sviluppo dei neonati prematuri a basso costo da una prospettiva sanitaria e semplice da promuovere. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Pediatrics’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!