Alzheimer: la vitamina B, utile …

Assumere una pillola di …

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Diabete nel mondo: Boehringer ed…

Boehringer Ingelheim e El…

Lotte ai tumori: la nuova onda d…

(di Umberto Veronesi) Da …

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

Malattie cardiache in età pediat…

I neonati messi al mondo …

Pubblicazione su Nature sulla ma…

Nature pubblica oggi onli…

Cellule staminali: approvata pri…

Per la prima volta una te…

Ad Agrigento un convegno per par…

I biosimilari sono farmac…

Procreazione assistita: autorizz…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: la voce della mamma in grado di migliorare le capacità cognitive del nascituro

Per i neonati prematuri ascoltare la voce della madre sin dalla terapia intensiva influisce significativamente sulle capacita’ cognitive e di linguaggio del piccolo gia’ dai sette mesi in poi.


Lo ha dimostrato il nuovo studio “Adult Talk in the Nicu (neonatal intensive care unit) with Preterm Infants and Developmental Outcomes” condotto da Betty Vohr, direttore del Women & Infants’ Neonatal Follow-Up Program.pregnancy I risultati della ricerca rivelano che il quantitativo di parole delle mamme al quale i bimbi in terapia intensiva sono esposti a partire dalle trentadue-trentasei settimane costituisce un forte fattore predittivo delle abilita’ cognitive e linguistiche del neonato fino a diciotto mesi. In particolare, ogni cento parole per ora in piu’ dalle trentadue settimane in poi e’ risultato associato a un aumento di due punti nelle capacita’ di linguaggio a un anno e mezzo.

Si tratta di una strategia per favorire il normale sviluppo dei neonati prematuri a basso costo da una prospettiva sanitaria e semplice da promuovere. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Pediatrics’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi