Morbo di Parkinson: nuova cura c…

Una nuova terapia, che si…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Caffè come salva vista

Un caffè al giorno toglie…

In Calabria parte il progetto sp…

Soverato, 24 giugno 2011 …

Alzheimer: una risonanza potrebb…

Con una risonanza al cerv…

Agenesia del pancreas: ricerca h…

Un team internazionale di…

Diabete: nuovo farmaco preserva …

Un nuovo farmaco promette…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

Il tumore al seno: l'efficienza …

[caption id="attachment_6…

Glioblastoma: probabile causa ce…

Il glioblastoma multiform…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima colazione: tutti gli stratagemmi per non saltarla

“Prima colazione? Non riesco proprio a farla, o a farla bene! Proposte psico-sociali, comportamentali, pedagogiche e nutrizionali su come favorire la pratica di un’adeguata prima colazione” è il documento di Breakfast Club Italia al centro del convegno che si tiene oggi a Roma, scandito dagli sketch del cortometraggio “Che colazione sei?” frutto della penna, della regia e della recitazione degli studenti dell’Istituto per la cinematografia e la televisione Roberto Rossellini.

“Diverse discipline – spiega Giuseppe Rotilio, del Comitato di presidenza Bci – sono state coinvolte per capire come poter superare le difficoltà, reali o meno, a fare la prima colazione. Le proposte pratiche, ma innovative sono tante: apprendiamo che, ad esempio, grazie al nudge (la cosiddetta ‘spinta gentile’), i comportamenti virtuosi possono essere incoraggiati dai Governi, senza ricorrere alla regolamentazione. food_caloriesMa il documento da anche ampio spazio ai metodi tradizionali: vi ricordate le filastrocche sulla frutta e la verdura che imparavamo a scuola? E che dire del contributo della scienza comportamentale con supereroi e atleti?”.
La pubblicazione, riconosce Gabriele Toccafondi, sottosegretario al ministero dell’Istruzione, “considera la scuola tra i luoghi principali di promozione della prima colazione e, più in generale, degli stili di vita corretti. Non solo educazione: la scuola può servire anche come luogo di sperimentazione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi