Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Chemioterapia personalizzabile p…

Il piu' grande studio si…

Cervello, Mente e Dolore: Membri…

·         Il Gruppo di In…

Bioterapia per combattere il mel…

[caption id="attachment_9…

Due nuovi test per i tumori gast…

[caption id="attachment_2…

Retina: per ripararla, cellule s…

Dalle cellule staminali d…

Fumo e sigarette: l'UE approva r…

Un disegno di legge per r…

AIDS: da medicinali generici la …

L'uso di medicinali gene…

Distrofia: scoperto un interrutt…

Terapie per la distrofia,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima colazione: tutti gli stratagemmi per non saltarla

“Prima colazione? Non riesco proprio a farla, o a farla bene! Proposte psico-sociali, comportamentali, pedagogiche e nutrizionali su come favorire la pratica di un’adeguata prima colazione” è il documento di Breakfast Club Italia al centro del convegno che si tiene oggi a Roma, scandito dagli sketch del cortometraggio “Che colazione sei?” frutto della penna, della regia e della recitazione degli studenti dell’Istituto per la cinematografia e la televisione Roberto Rossellini.

“Diverse discipline – spiega Giuseppe Rotilio, del Comitato di presidenza Bci – sono state coinvolte per capire come poter superare le difficoltà, reali o meno, a fare la prima colazione. Le proposte pratiche, ma innovative sono tante: apprendiamo che, ad esempio, grazie al nudge (la cosiddetta ‘spinta gentile’), i comportamenti virtuosi possono essere incoraggiati dai Governi, senza ricorrere alla regolamentazione. food_caloriesMa il documento da anche ampio spazio ai metodi tradizionali: vi ricordate le filastrocche sulla frutta e la verdura che imparavamo a scuola? E che dire del contributo della scienza comportamentale con supereroi e atleti?”.
La pubblicazione, riconosce Gabriele Toccafondi, sottosegretario al ministero dell’Istruzione, “considera la scuola tra i luoghi principali di promozione della prima colazione e, più in generale, degli stili di vita corretti. Non solo educazione: la scuola può servire anche come luogo di sperimentazione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi