Parkinson: infiammazione di una …

Un’infiammazione che …

Molecole terapeutiche ottenute d…

Può un analgesico essere …

Nasce "Punti di Vita" il primo b…

Presentato all’Ospedale…

Autismo: le doti particolari del…

Il cervello delle persone…

Acidi grassi prevengono eventi g…

Gli acidi grassi essenzia…

I neuroni deputati all'apprendim…

Una popolazione di neuron…

Atassia di Friedreich: sembra ef…

Un gruppo di scienziati d…

Benefici dell'allattamento: trop…

L'allattamento al seno e'…

Una nuova regione, bersaglio con…

La paura e l’ansia, lo sa…

La leptina a capo di meccanismi …

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tempi di reazione lenti associati a morte precoce

Avere tempi di reazione lenti in mezza eta’ potrebbe essere un fattore indicativo di morte precoce, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Plos One.


I tempi di reazione rallentati aumenterebbero il rischio di morire presto, sostiene la ricerca condotta dall’Universita’ di Edimburgo su un campione di piu’ di cinquemila persone con eta’ compresa dai 20 ai 59 anni, seguiti e analizzati per un periodo di quindici anni.sensori
Al termine dell’indagine un totale di 378 partecipanti e’ deceduto. Ma quelli con i tempi di reazione iniziali piu’ lenti avevano il 25 per cento in piu’ di probabilita’ di morire per qualsiasi causa entro quindici anni dall’avvio dei test rispetto a quelli con tempi di reazione medi.

I tempi di reazione, evidenzia lo studio, rivelano molto del funzionamento del sistema nervoso centrale e di altri sistemi del corpo

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!