Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla mammella: farmaco sperimentale aumenta periodo di stasi

Un nuovo farmaco sperimentale attualmente in sviluppo alla Pfizer ha mostrato in un trial clinico di raddoppiare la quantita’ di tempo per cui un paziente con cancro alla mammella vive senza peggioramenti della patologia anche se l’incremento complessivo della sopravvivenza non e’ stato statisticamente significativo.


Lo studio di fase due, che coinvolge donne con la piu’ comune forma di cancro alla mammella, ha fatto emergere che le pazienti trattare con il trattamento con il farmaco ormonale letrozolo associato al farmaco palbociclib della Pfizer ha fatto vivere per una media di 20,2 mesi senza alcun progresso del cancro, un miglioramento notevole rispetto ai 10,2 mesi corrispondenti all’assunzione del solo letrozolo.    Il Palbociclib e’ visto dalla societa’ farmaceutica come uno dei farmaci sperimentali piu’ importanti e, secondo alcune stime di analisti del settore, potrebbe portare a un guadagno annuale di circa 5 miliardi di dollari, se venisse approvato dalla Fda.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!