Studio finanziato da UE per rile…

Coloro che non si fidano …

Leucemie: farmaci in grado di el…

Un team internazionale di…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

L'importanza del sonno sulla mem…

Il sonno rafforza la memo…

Fecondazione in vitro: maggiore …

Le donne che producono m…

Autismo: broccoli, cavolfiori e …

Gli scienziati scoprono c…

Rivoluzione nella terapia del di…

Più libertà, qualità di v…

Tumore alla prostata: la chemiot…

Il tumore della prostata …

Obesità: a Milano la soluzione c…

Presso l’IRCCS Multimedic…

Dati real life, pubblicati su Cl…

Questi risultati si aggiu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: trovato un nesso tra materia bianca e salute cognitiva

Un gruppo di scienziati del Sanders-Brown Center on Aging dell’Universita’ del Kentucky ha trovato una connessione tra la salute della materia bianca, il tessuto cerebrale che supporta le funzioni cognitive, e la presenza di demenza in persone con la sindrome di Down.


Come si legge sulla rivista Neurobiology of Aging, gli scienziati si sono focalizzati sui cambiamenti che avvengono nella materia bianca tramite risonanza magnetica per immagini.    Gli studiosi hanno confrontato la salute della materia bianca cerebrale di un gruppo di soggetti e quanto fortemente questa connettesse differenti parti del cervello. I risultati indicano un deterioramento della integrita’ della materia bianca che si poteva commisurare alla salute cognitiva del soggetto.

Gli scienziati hanno coinvolto un gruppo di pazienti con sindrome di Down ma non demenza, un gruppo con sindrome di Down e demenza e un gruppo di controllo costituito da persone sane. Le persone con sindrome di Down che avevano migliore coordinamento motorio e miglior apprendimento e memoria erano quelle che avevano una maggiore salute delle connessioni della materia bianca frontale.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x