La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Pediatria: allarme obesità, un b…

In Italia un bambino su …

Diabete di tipo 2: Janssen ha pr…

Beerse (Belgio), 14 Marzo…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Alzheimer: buone dosi di vitamin…

Forti dosi quotidiane…

Farmaco anticolesterolo riduce e…

Il farmaco anti-colester…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Al contrario delle ovaie l'utero…

(ADUC) - Per garantirsi u…

Antidepressivi: prozac raffredda…

Nuovi antidepressivi osta…

CNR: Studi ad alta quota per meg…

Verificare l'ipotesi seco…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: trovato un nesso tra materia bianca e salute cognitiva

Un gruppo di scienziati del Sanders-Brown Center on Aging dell’Universita’ del Kentucky ha trovato una connessione tra la salute della materia bianca, il tessuto cerebrale che supporta le funzioni cognitive, e la presenza di demenza in persone con la sindrome di Down.


Come si legge sulla rivista Neurobiology of Aging, gli scienziati si sono focalizzati sui cambiamenti che avvengono nella materia bianca tramite risonanza magnetica per immagini.    Gli studiosi hanno confrontato la salute della materia bianca cerebrale di un gruppo di soggetti e quanto fortemente questa connettesse differenti parti del cervello. I risultati indicano un deterioramento della integrita’ della materia bianca che si poteva commisurare alla salute cognitiva del soggetto.

Gli scienziati hanno coinvolto un gruppo di pazienti con sindrome di Down ma non demenza, un gruppo con sindrome di Down e demenza e un gruppo di controllo costituito da persone sane. Le persone con sindrome di Down che avevano migliore coordinamento motorio e miglior apprendimento e memoria erano quelle che avevano una maggiore salute delle connessioni della materia bianca frontale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: