Omocisteina alta e colesterolo a…

Esplora il significato de…

Se chirurgia e medicina sono int…

Si apre giovedì a Milano …

Telethon individua terapia farma…

Il gruppo di ricerca…

Alzheimer: scoperto un principio…

La sostanza scoperta dagl…

Cura del dolore: attenzione agli…

Al via a Padova il proget…

Metodo Stamina: le basi su cui s…

Il metodo Stamina, messo …

Sclerosi sistemica cutanea: in G…

Sono incoraggianti i prim…

Dalle cozze arriva la nuova supe…

(ANSA)Arriva dalle cozze …

Cellule staminali cardiache: tec…

[caption id="attachment_8…

“Adherence to treatment in chron…

Roma, 5 aprile 2013 – Cir…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fumo: nelle donne in sovrappeso altera la percezione dei sapori

Il fumo potrebbe interferire con la capacita’ di sentire i sapori grassi e dolci, almeno nelle donne obese. A dirlo un nuovo studio della Washington University School of Medicine di St. Louis, pubblicato sulla rivista Obesity.


Gli scienziati, guidati da M. Yanina Pepino, hanno scoperto che, nonostante il desiderio di cibi ad alto contenuto di grassi e zuccheri, le donne obese e fumatrici avevano una minor probabilita’ di percepire questi sapori, il che poteva avere l’effetto di spingerle a consumare piu’ calorie. smoking_brainI ricercatori hanno studiato quattro gruppi di donne con eta’ compresa fra 21 e 41 anni: obese fumatrici, obese non fumatrici, fumatrici con peso normale e non fumatrici con peso normale. ”Rispetto a quelle degli altri gruppi – ha spiegato Pepino – le fumatrici che erano obese percepivano la cremosita’ e la dolcezza di un pudding di vaniglia usato per i test in modo meno intenso.

Inoltre, ricavavano meno piacere dal sapore generale dell’alimento”. Gli scienziati tuttavia sottolineano che il fumo potrebbe non essere la sola ragione per cui le fumatrici obese hanno difficolta’ a percepire grasso e sapore dolce.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi