Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Codeina: evitarla nella cura del…

Il comitato per la Farmac…

Glioblastoma: nuove speranze arr…

Nuove speranze arrivano d…

Sedentarietà: gli esperti FMSI c…

Fare riconoscere al minis…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Ri-legittimato il "punto G" femm…

Una ricerca che dura da 5…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Iperattività e sonno incostante compromettono la vita sessuale in giovane età

I ragazzi non dovrebbero mai essere rimproverati perche’ dormono troppo, sostiene un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science, secondo cui le lunghe dormite sono fondamentali per lo sviluppo corretto del cervello, incluse le capacita’ di accoppiamento future.


La scoperta e’ emersa dall’osservazione delle conseguenze di diversi cicli di sonno sui moscerini della frutta in differenti fasi della vita. – La segnalazione della dopamina e’ meno attiva nei giovani organismi, caratteristica che induce una regione del cervello che promuove il sonno – il corpo dorsale a ventaglio – all’iperattivita’.  L’iperattivizzazione dello stesso corpo nei moscerini piu’ adulti – caratterizzati da modelli di sonno dalla durata inferiore – aumenta il tempo dedicato ai “pisolini”.

I diversi esperimenti effettuati hanno dimostrato che le giovanissime mosche che sono state impossibilitate a dormire un numero abbondante di ore, attraverso l’eccitazione della segnalazione della dopamina, hanno sviluppato difficolta’ nelle attivita’ di corteggiamento e accoppiamento da adulte. La ricerca e’ stata condotta dalla Perelman School of Medicine (University of Pennsylvania). .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi