La carenza di iodio nella dieta …

Uno studio dell’Osservato…

Tumori: particolare proprietà de…

Alcuni ricercatori del Fr…

Allarme microbiologi: nuovo coro…

Un nuovo ceppo di vir…

Epilessia: qual'è nuovo approcci…

Gli scienziati della …

Dolore Cronico: parte da Viterbo…

Colpire al cuore la soffe…

La creatività è contagiosa. La p…

· Un’iniziativa per “scuc…

ISS: sempre più allarmante l'ant…

I dati sull’antibiotico-r…

CNR e Istituto FIRC: SLA e cancr…

Uno studio congiunto di C…

[ADUC]Contaminazione da pesticid…

Quando le rilevazioni non…

Trattamanto melanomi: cure effic…

Per trattare il melanoma …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Reimpiantate gambe quasi completamente amputate da motozappa

Ha rischiato di perdere entrambe le gambe per un incidente con la sua motozappa, ma grazie a un delicato intervento di microchirurgia può ora sperare di tornare a camminare.


Tomaso Curti, 61enne di Mazzo di Valtellina, in provincia di Sondrio, è stato operato questa notte all’ospedale San Giuseppe di Milano dal team di Giorgio Pajardi, direttore del reparto universitario di Chirurgia della mano e Microchirurgia, che ha eseguito sul paziente un reimpianto degli arti inferiori. Ora l’uomo è in Rianimazione in “discrete condizioni generali”, anche se “la prognosi rimane riservata”, informa il gruppo MultiMedica al quale fa capo l’ospedale di via San Vittore. “Se l’esito dell’intervento si rivelerà positivo saranno necessari ulteriori ricostruzioni microchirurgiche e un lungo percorso riabilitativo, ma il paziente potrà tornare a camminare con le sue gambe, senza l’ausilio di protesi”.

Leg-Lengthening
La mattina di ieri, 23 aprile, per un incidente con la sua motozappatrice, il sessantenne ha subito un trauma complesso agli arti inferiori ed è stato trasportato al Pronto soccorso del nosocomio di Sondalo. I sanitari gli hanno riscontrato la sub-amputazione di entrambe le gambe e la lacerazione di parte dei genitali. Data la complessità delle lesioni, i medici del Pronto soccorso hanno contattato immediatamente l’équipe di Pajardi a Milano. Il paziente è stato quindi trasportato in elicottero nel capoluogo lombardo, dove Andrea Ghezzi, guidato da Pajardi e assistito dal team anestesiologico, ha eseguito l’intervento. Il team di Urologia si è occupato della riparazione delle lesioni genitali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi