LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

La vitamina D fattore protettivo…

[caption id="attachment_9…

HPV HC2 e PAP test: insieme effi…

[caption id="attachment_7…

Trattamento degli specializzandi…

L’interrogazione parlamen…

Verso la giornata mondiale della…

Al via la settimana di …

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Scoperta la proteina che oppone …

[caption id="attachment_5…

Il riconoscimento di sé, la cons…

Il riconoscimento di se s…

Le strategie infettive del Trypa…

[caption id="attachment_8…

HIV: una sostanza estratta da sp…

Un nuovo studio dello The…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Litigare provoca uno stress che triplica il rischio di morte per qualsiasi causa

Litigare non fa bene alla salute. Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health ha dimostrato che le frequenti discussioni con partner, amici e familiari raddoppiano (e talvolta triplicano) il rischio di morire per qualsiasi causa nella mezza eta’.


I piu’ vulnerabili sono gli uomini e le persone che non hanno un lavoro. Dati che indicano che reti sociali positive e relazioni di sostegno sono ottimi promotori della salute e del benessere generali. La ricerca ha intervistato quasi diecimila persone.  Nello studio sono stati coinvolti uomini e donne dai trentasei ai cinquantadue anni di eta’, monitorati dal 2000 al 2011.
L’analisi ha indicato che le richieste frequenti o le preoccupazioni relative a partner e/o bambini sono collegabili ad un aumento del cinquanta-cento per cento del rischio di morte per tutte le cause. I litigi, in ogni caso, sono emersi come il killer principale.

Frequenti conflitti con partner, parenti, amici e vicini di casa sono associabili al raddoppiamento, e in alcuni casi triplicamento, del rischio di morire per qualsiasi causa. Lo studio e’ stato condotto dall’Universita’ di Copenhagen.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!