Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Scoperto il meccanismo virale di…

I ricercatori sono stati …

Dimostrata, in uno studio regist…

Presentati all’ ASCO  201…

La risposta distruttiva della sa…

[caption id="attachment_6…

Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Colite ulcerosa: identificata un…

[caption id="attachment_8…

Da farmaco anti-tumorale possibi…

[caption id="attachment_…

La nuova mappa cerebrale e il co…

È online il secondo blocc…

Depressione: in donne di mezza e…

Le donne depresse di …

Occhi, studio su correlazione tr…

Nuova luce sull'interazio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Litigare provoca uno stress che triplica il rischio di morte per qualsiasi causa

Litigare non fa bene alla salute. Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health ha dimostrato che le frequenti discussioni con partner, amici e familiari raddoppiano (e talvolta triplicano) il rischio di morire per qualsiasi causa nella mezza eta’.


I piu’ vulnerabili sono gli uomini e le persone che non hanno un lavoro. Dati che indicano che reti sociali positive e relazioni di sostegno sono ottimi promotori della salute e del benessere generali. La ricerca ha intervistato quasi diecimila persone.  Nello studio sono stati coinvolti uomini e donne dai trentasei ai cinquantadue anni di eta’, monitorati dal 2000 al 2011.
L’analisi ha indicato che le richieste frequenti o le preoccupazioni relative a partner e/o bambini sono collegabili ad un aumento del cinquanta-cento per cento del rischio di morte per tutte le cause. I litigi, in ogni caso, sono emersi come il killer principale.

Frequenti conflitti con partner, parenti, amici e vicini di casa sono associabili al raddoppiamento, e in alcuni casi triplicamento, del rischio di morire per qualsiasi causa. Lo studio e’ stato condotto dall’Universita’ di Copenhagen.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi