Chemioresistenza: gli italiani d…

[caption id="attachment_8…

PILLOLA E DEPRESSIONE. COSA C’È …

La SIC-Società italiana d…

Rimodellare non col bisturi ma c…

Addio al bisturi, a tagli…

Tumori: pazienti con malattie cr…

Se i pazienti con tumore …

Rosolia in gravidanza: il perico…

I dati dell'Istituto Supe…

Di nuove liberalizzazioni il ser…

  Roma, 6 febbraio 201…

EPAC ONLUS plaude alla prima ris…

[caption id="attachment_7…

Vaccino HPV: secondo l'esperto v…

E' il solo tumore che sap…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: una sostanza chimica presente nei beni di consumo ne altera lo sviluppo

Una sostanza chimica trovata in molti prodotti di consumo “Bpa free”, chiamata bisfenolo S (Bps), ha la stessa capacita’ del Bpa di alterare lo sviluppo del cervello e causare comportamento iperattivo.


A rivelarlo, uno studio condotto su animali e presentato durante il meeting congiunto della International Society of Endocrinology e della Endocrine Society:ICE ENDO 2014 che si sta tenendo a Chicago.bisfenol-a
Il Bpa A� stato collegato a una vasta gamma di disturbi ormonali, come l’obesita’, i tumori all’apparato riproduttivo e, di recente, l’iperattivita’, in bambini nati da donne esposte ad alti livelli di questa sostanza durante il secondo trimestre di gravidanza.

Ora, questa nuova riceca nel pesce zebra ha trovato che l’esposizione a Bps, un altro composto del bisfenolo, ha condotto a a una prole iperattivo, proprio come succede nel caso di esposizione a Bpa. Lo studio e’ stato condotto da Deborah Kurrasch e colleghi dell’Universita’ del Canada di Calgary. “Il Bps, considerato l’alternativa sicura al Bpa, puo’ essere altrettanto dannoso per il cervello in via di sviluppo. Bisognerebbe rimuovere tutti i composti bisfenolo dai processi produttivi” ha commentato Kurrasch.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x