Morte cellule nervose: nuova luc…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: la molecola del buon …

Un team di ricercatori ha…

Botox: usato per curare l'emicra…

[caption id="attachment_1…

Adrenololeucodistrofia: una tera…

I pazienti trattati in un…

Bambini stranieri nelle scuole i…

La Società Italiana di Pe…

Vaccino anti-pneumococco 23 vale…

Il vaccino antipneumococc…

Autismo: il deficit che si può r…

E' possibile rilevare i d…

SLA e Sclerosi Multipla: partono…

[caption id="attachment_…

Dati Censis: Tac e RX grande ric…

Boom del privato per Tac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: una sostanza chimica presente nei beni di consumo ne altera lo sviluppo

Una sostanza chimica trovata in molti prodotti di consumo “Bpa free”, chiamata bisfenolo S (Bps), ha la stessa capacita’ del Bpa di alterare lo sviluppo del cervello e causare comportamento iperattivo.


A rivelarlo, uno studio condotto su animali e presentato durante il meeting congiunto della International Society of Endocrinology e della Endocrine Society:ICE ENDO 2014 che si sta tenendo a Chicago.bisfenol-a
Il Bpa A� stato collegato a una vasta gamma di disturbi ormonali, come l’obesita’, i tumori all’apparato riproduttivo e, di recente, l’iperattivita’, in bambini nati da donne esposte ad alti livelli di questa sostanza durante il secondo trimestre di gravidanza.

Ora, questa nuova riceca nel pesce zebra ha trovato che l’esposizione a Bps, un altro composto del bisfenolo, ha condotto a a una prole iperattivo, proprio come succede nel caso di esposizione a Bpa. Lo studio e’ stato condotto da Deborah Kurrasch e colleghi dell’Universita’ del Canada di Calgary. “Il Bps, considerato l’alternativa sicura al Bpa, puo’ essere altrettanto dannoso per il cervello in via di sviluppo. Bisognerebbe rimuovere tutti i composti bisfenolo dai processi produttivi” ha commentato Kurrasch.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi