Batteri intestinali: dividono la…

Si chiamano "enterotipi",…

Nascituri pretermine a rischio a…

I bambini che sono nati p…

Stress post-traumatico: affronta…

Un nuovo studio condotto …

Gilead annuncia le percentuali d…

SVR12 nel 96% dei pazient…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

SLA: scoperti punti deboli studi…

Alcuni studiosi american…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore della laringe: un interve…

[caption id="attachment_7…

“Update On Pain”: l’aggiornament…

Minorca, 09 Maggio 2014 –…

Nuovi protocolli di conservazion…

I senologi di tutto il mo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Terapia contro la celiachia per salvare l’intestino

Potrebbe ridurre il rischio di ingestione accidentali di tracce di glutine e i relativi sintomi.

Chi è affetto da celiachia, l’intolleranza cronica al glutine, potrebbe in futuro giovarsi di un trattamento farmacologico. L’enzima ALV003 glutine specifico è stato, infatti, somministrato ad un gruppo di pazienti celiaci dai ricercatori dell’Università di Tampere in Finlandia con risultati promettenti.celiachia

L’unica terapia valida contro l’intolleranza al glutine è quella alimentare: ossia escludere dalla dieta il glutine, contenuto proteico di farina e prodotti da forno, che produce l’infiammazione cronica dell’intestino che produce danni danni ai villi intestinali, i rilievi delle pareti intestinali che favoriscono l’assorbimento dei nutrienti. Non a caso chi soffre di malattie intestinali croniche oltre ai sintomi tipici, come dolore addominale e diarrea, ha problemi di malassorbimento: l’intestino fatica a “ricavare” le sostanze necessarie dai cibi, compresi minerali essenziali come il ferro o le vitamine.

I medici finlandesi, il cui studio è pubblicato su Gastroenterology, hanno diviso in due gruppi i pazienti celiaci che hanno seguito una dieta gluten-free integrata con una dose molta bassa di glutine, 2 mg al giorno pari a mezza fetta di pane. Il primo gruppo è stato trattato con un placebo, vale a dire una sostanza biologicamente inattiva ignorando si trattasse di un “falso farmaco”, l’altro ha ricevuto la somministrazione orale dell’enzima ALV 003.

I pazienti trattati con l’enzima hanno mostrato di tollerare il farmaco e sintomi da intolleranza, come nausea o mal di pancia, sono stati più miti. La celiachia si controlla efficacemente con una dieta priva di glutine, ricordano i ricercatori, ma talvolta, aggiungono, è difficile conoscere con esattezza il contenuto di alimenti industriali oppure possono essere “vittime” di contaminazioni. Una terapia farmacologia potrebbe essere la soluzione a questi problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: