L'ambiente che ammala: malattie …

Roma, 8 luglio 2014 – Dal…

Presto un esame per predire risc…

[caption id="attachment_9…

Scarsi livelli di vitamina B1 e …

Gli scienziati avvertono …

Riabilitazione cardiaca, utile a…

La riabilitazione car…

L'Istituto europeo di oncologia …

[caption id="attachment_1…

Cuore infartuato si ripara con i…

Piccole molecole di RNA (…

Sindrome di Down: le staminali d…

Neuroni lenti e con u…

GE HEALTHCARE APRE IL SUO PRIMO …

Il nuovo laboratorio di U…

Cura, Femminile Plurale Donne pr…

Teva Italia partecipa all…

Tossicodipendenze: medici di fam…

La proposta, lanciata da …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anestesia: gli effetti su connessioni neurali sono reversibili

Gli effetti dell’anestesia generale sulle connessioni delle cellule cerebrali sono temporanei.


A scoprirlo e’ uno studio dell’Universita’ della California e del Weill Cornell Medical College di New York che fornisce una risposta confortante ai timori, emersi da molteplici studi negli ultimi dieci anni, che vedrebbero i bambini sottoposti ad anestesia generale piu’ suscettibili di soffrire di deficit cognitivi e comportamentali a lungo termine.    Per arrivare a queste conclusioni, pubblicate sulla rivista Plos One, i ricercatori hanno condotto una serie di test sui roditori. Dai risultati e’ emerso che l’anestetico riduce il numero di spine dendriche, strutture specializzate che fungono da mediatori dell’attivita neurale durante le connessioni, ma solo per 10 minuti.

Si tratta, secondo i ricercatori, di una diminuzione reversibile una volta che l’anestetico si esaurisce. “Il nostro studio – hanno detto i ricercatori – e’ rassicurante, nel senso che gli effetti non sono irreversibili, e questo in sintonia con gli effetti clinici noti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x