La fluorescenza che delimita il …

[caption id="attachment_7…

Il paziente "disegna" la cura de…

Un’indagine Doxa, commiss…

Malattia di Crohn: svolta determ…

[caption id="attachment_7…

L’equivalente è parte integrante…

Oltre 10.000 addetti sul …

Acne: un principio attivo estrat…

Le alghe possono essere u…

Epatite B e C: Uno studio del Sa…

Un difetto funzionale del…

Il pesce introdotto nella dieta …

I pesci grassi “elisir” d…

Sequenziato il genoma del parass…

[caption id="attachment_1…

Approfondimento scientifico su c…

Fidia Farmaceutici ha osp…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dipendenza da sesso: scatena stesse distorsioni della tossicodipendenza

La dipendenza dal sesso può scatenare nel cervello meccanismi analoghi a quelli che si attivano nelle tossicodipendenze, al punto che la reazione a stimoli sessuali come quelli della pornografia può ricalcare quella di un tossicodipendente alla vista della droga.


E’ quanto dimostra lo studio pubblicato sulla rivista Plos One e condotto dagli psichiatri dell’università britannica di Cambridge diretti da Valerie Voon. Il comportamento sessuale compulsivo può riguardare fino a una persona ogni 25, con differenti gradi di ‘gravità’ e conseguenti difficoltà a vivere una normale vita di relazione.  Queste persone possono essere decisamente ossessionate dal sesso al punto da non poter fare a meno di pensarci e di desiderare di fare attività sessuale in ogni momento della giornata.

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per analizzare le reazioni cerebrali di due gruppi di soggetti (uno con una vita sessuale normale e l’altro con comportamenti sessuali compulsivi) di fronte a video pornografici e a video sessualmente neutri, come gare sportive. E’ emerso così che i video pornografici attivavano nel gruppo con comportamenti sessuali compulsivi le stesse aree cerebrali (il corpo striato ventrale e l’amigdala) attivate nel cervello dei tossicodipendenti dalla visione della droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi