Bambini esposti a violenza tra l…

I bambini esposti a viole…

Collagenasi di Clostridium histo…

È stata autorizzata anche…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

Epilessia: qual'è nuovo approcci…

Gli scienziati della …

Abbott annuncia i risultati posi…

LO studio dimostra ch…

Morbo di Crohn: duecento mila it…

Sono 200 mila gli italian…

Fratture Vertebrali: meglio la c…

Le nuove evidenze clini…

Tumore fegato: molecola in grado…

[caption id="attachment_9…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Alla scoperta del sistema immuni…

Un nuovo studio indica ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia: FedEmo chiede la correzione all’emendamento del Governo 27.050 da inserire nel Decreto Legge n. 90 del 24 giugno 2014

fedemoProposta di correzione all’emendamento del Governo 27.050 da inserire nel Decreto Legge n. 90 del 24 giugno 2014, recante misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari.

La Federazione delle Associazioni Emofilici – FedEmo Onlus – valuta favorevolmente l’impegno del Governo e del Parlamento nel cercare una soluzione normativa volta a dare ristoro ai danneggiati da sangue infetto, e in particolare agli emofilici danneggiati da emoderivati infetti, ancora in attesa di giustizia.

Come più volte richiesto, la soluzione politico normativa è l’unica possibile, e quindi esprimiamo apprezzamento nel vedere accolta tale impostazione.

Ciò premesso, tuttavia, FedEmo

Considera

assolutamente iniqui gli importi previsti attualmente dall’emendamento, che di fatto privano il provvedimento di ogni logica risarcitoria , rendendolo lesivo di ogni diritto dei danneggiati nonché in contrasto con i criteri transattivi già fissati per i soggetti emofilici dal decreto del Ministro della Salute 3 Novembre 2003 previsti dalla Legge 24 Dicembre 2007, comma 362.

Fa appello quindi al Governo e al Parlamento

affinché sia significativamente elevato l’importo, in particolare per i soggetti che hanno contratto doppia patologia  e per i famigliari dei soggetti deceduti, procedendo all’erogazione in un’unica soluzione entro un anno.

Chiede

che venga esplicitamente chiarito che per accedere a tale ristoro economico non operino i criteri della prescrizione e del periodo di contagio, previsti invece per l’iter transattivo in corso.

Roma, 27 Luglio 2014  

Il Presidente

(Gabriele Calizzani)

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi